Home Cronaca Bari, ubriaca investe e uccide un giovane in bici: arrestata

Bari, ubriaca investe e uccide un giovane in bici: arrestata

CONDIVIDI

Il drammatico incidente è avvenuto lungo la Statale 16, all’altezza di Ponte del Mare, nel barese.

ciclista ucciso bari

Un giovane di 31 anni, alla guida di una bicicletta elettrica, è morto sul colpo, dopo essere stato travolto da un’auto.

Incidente a Bari: giovane in bici travolto e ucciso da un’auto

Stava percorrendo la Statale 16, quando all’altezza di Ponte del Mare, nel barese, è stato travolto ed ucciso da un’auto.

La vittima del drammatico incidente è Francesco D’Ambrosio, un giovane di 31 anni di Triggiano. L’uomo, che stava rientrando a casa, dopo il lavoro, è deceduto dopo il drammatico impatto.

Alla guida dell’auto, che si è dileguata senza prestare soccorso, una donna di 69 anni di Bari. Come riferisce anche Fanpage, sarebbe stata proprio lei alla guida dell’auto che ha travolto ed ucciso il 31enne.

Gli agenti della polizia stradale hanno visionato le immagini delle telecamere di sorveglianza e sono risaliti all’identità della donna.

Arrestata per omicidio stradale ed omissione di soccorso

La donna, raggiunta nella sua abitazione dagli agenti di polizia, è stata quindi arrestata per omicidio stradale ed omissione di soccorso.

Sottoposta all’alcoltest, la 69enne è risultata positiva e per lei è quindi scattato l’arresto ai domiciliari. La vittima lascia la moglie e tre figlie piccole, di 2, 5 e 9 anni.

Il giovane si stava recando al lavoro quando è stato travolto dalla vettura della 69enne. La donna ha proseguito la sua corsa senza prestare soccorso. Ad allertare i sanitari del 118 è stato un altro automobilista, che ha notato il corpo del 31enne riverso sull’asfalto.

Quando i soccorsi sono giunti sul posto, per la vittima non c’era ormai più nulla da fare.

“Un grande lavoratore, un ottimo padre di famiglia”,

lo ha ricordato così il sacerdote della parrocchia San Nicola di Bari, don Fabio Carbonara. Intanto, per sostenere la famiglia del 31enne è già partita una gara di solidarietà, avviata proprio dal religioso.