Home News Banche europee nel mirino: l’accusa di sfruttare l’Amazzonia per petrolio

Banche europee nel mirino: l’accusa di sfruttare l’Amazzonia per petrolio

CONDIVIDI

Pesante accusa nei confronti delle banche europee che, impegnate nella lotta al cambiamento climatico, stanno in realtà sfruttando l’Amazzonia per il commercio di petrolio.

banche europee

A riportarlo è Reuters, che ha reso note le dichiarazioni di Stand.earth e Amazon Watch, secondo cui gli istituti di credito del Vecchio Continente avrebbero sfruttato l’Amazzonia per scopi di business.

Le banche europee impegnate a sostenere l’azione sul cambiamento climatico affrontano le accuse mosse da un gruppo di indigeni in Ecuador dopo che un rapporto le ha nominate come i principali attori nel commercio del petrolio.

Banche europee sotto accusa: ecco quali sono

Stand.earth e Amazon Watch hanno affermato che ING, Credit Suisse, Natixis, BNP Paribas, UBS e Rabobank sono stati i maggiori finanziatori nella spedizione di circa $ 10 miliardi di dollari di greggio ecuadoriano alle raffinerie statunitensi nell’ultimo decennio.

Ciascuna delle banche identificate, dopo aver esaminato il rapporto, ha fatto riferimento agli impegni ambientali che avevano assunto, come sostenere l’accordo sul clima di Parigi del 2015, proteggere le foreste e sostenere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Ma le comunità indigene sostengono che qualsiasi banca che supporta il commercio dall’Amazzonia è stata complice delle crescenti minacce alla più grande foresta pluviale del mondo.

“Le banche si stanno impegnando in un doppio standard”,

ha riferito a Reuters Marlon Vargas, Presidente della Confederazione delle nazionalità indigene dell’Amazzonia ecuadoriana.

Banche europee accusate di “devastare l’Amazzonia”

In nove paesi del Sud America, la foresta pluviale amazzonica deve affrontare un peggioramento degli incendi e delle bonifiche per l’agricoltura e l’estrazione mineraria.

Circa il 15-17% della foresta è stata distrutta, principalmente dagli anni ’70, dicono gli scienziati.

La foresta pluviale svolge un ruolo fondamentale nella regolazione del clima terrestre assorbendo l’anidride carbonica, che è uno dei principali gas serra responsabili del riscaldamento globale.

Gli scienziati avvertono che ulteriori danni potrebbero spingere l’Amazzonia oltre un punto di svolta in cui diventa un importante emettitore di gas.

Rabobank ha dichiarato di aver smesso di finanziare i carichi di greggio ecuadoriano all’inizio di quest’anno, aggiungendo che le preoccupazioni sollevate erano

“in linea con i nostri impegni politici e parte della due diligence nelle nostre operazioni di finanza commerciale”.