Home News Baby modelle, interviene il Garante: “Stop allo sfruttamento”

Baby modelle, interviene il Garante: “Stop allo sfruttamento”

CONDIVIDI

L’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza interviene sulla questione baby modelle. Intanto è boom di concorsi under 14

baby modelle

Baby modelle e concorsi di bellezza: il Garante dice stop allo sfruttamento. I sogni delle mini influencer col rossetto in valigia.

Baby modelle: in aumento concorsi under 14

Un esercito di baby modelle sempre in più in crescita: bambine di età compresa da 1 a 14 anni che sfilano come modelle professioniste. Abiti ricoperti di lustrini, spesso cuciti a mano dalle mamme, le prime vere fan di questa flotta di mini top model in cerca di notorietà.

Mamme che, come riporta Il Messaggero, sono disposte a spendere anche 1.000 Euro per garantire alle loro bambine un posto in passerella.

Book fotografici in costume, con pose ammiccanti e una dieta ferrea da seguire sin da subito, per cercare di entrare nel mondo patinato delle sfilate.

L’Autorità Garante dice stop allo sfruttamento

Quello che per molti genitori potrebbe diventare un lavoro, per il Garante dell’infanzia e dell’adolescenza è, almeno per ora, soltanto sfruttamento.

Ecco perché l’Autorità Garante ha deciso d’intervenire per arginare questa corsa sfrenata a cercare un primo posto in passerella, tenendo conto del fatto che si tratta pur sempre di giovanissime modelle.

I bambini devono essere protetti da qualsiasi forma di sfruttamento che possa essere deleterio per la loro crescita ed il loro benessere. Nel caso in cui si accertino violazioni dei diritti dei bambini, l’autorità giudiziaria è legittimata ad intervenire.

Il rischio psicologico è dietro l’angolo. Come sostiene il professore di Psichiatria all’Università di Chieti, Giovanni Martinotti:

“Un bambino che cresce con l’idea che l’immagine sia tutto, considererà sempre il corpo un valore essenziale”.

I genitori che si affannano per realizzare quelli che pensano essere i desideri dei loro figli, spesso stanno solo riversando su di loro sogni infranti e desiderio di riscatto. Il risultato è che, il più delle volte, i bambini cresceranno inappagati come loro.