Home News Aziende, quali riapriranno il 27 aprile? Le nuove disposizioni

Aziende, quali riapriranno il 27 aprile? Le nuove disposizioni

CONDIVIDI

Quali sono le aziende che potranno riaprire domani 27 aprile 2020? Ecco cosa ha deciso il Governo.

Aziende, quali riapriranno il 27 aprile? Le nuove disposizioni
Covid 19 – Fonte Foto Pixabay

Quali sono le aziende che domani 27 aprile 2020 potranno riaprire i battenti, dopo la lunga chiusura a causa delle misure restrittive previste per il coronavirus?

Le attività che potranno riaprire domani 27 aprile 2020

Ci sono tantissime ipotesi e le modifiche nelle prossime ore potrebbero ancora variare alcuni dettagli, eppure in linea generale tutte le attività a basso rischio contagio domani 27 aprile potranno riaprire.

Un piccolo anticipo previsto della Fase Due che riguarderà l’edilizia pubblica (residenziale, carcere, scuole, opere pubbliche e contro il dissesto idrogeologico). Sempre secondo quanto si evince – anche da Rai News – ci potrà essere una riapertura anche per quanto riguarda le attività di fabbricazione aeromobili, gioielleria, bigiotteria, giocattoli, articoli sportivi, veicoli spaziali/militari.

Non solo, perché potrebbero avere semaforo verde anche chi si occupa di progetti immobiliari, comprensivi di demolizione e preparazione in campo edilizio nonché tutte le professioni tecniche e scientifiche.

La sicurezza è sul piano dell’automotive e degli elettrodomestici, anche se non ci sono ancora conferme in merito.

Quali sono le regole fondamentali?

Come si evince sempre da Il Corriere della Sera, è stato siglato un protocollo per la riapertura dei cantieri con punti fondamentali e regole da seguire per la sicurezza di tutti i lavoratori.

Prima di tutto sarà necessario pensare ai locali dove operano più persone allo stesso tempo, con distanze di sicurezza e le protezioni individuali. Si dovrà inoltre pensare a orari e turni di lavoro differenziati così da ridurre il numero di personale all’interno di una unica fascia. Per raggiungere il luogo di lavoro sarebbe inoltre preferibile l’uso del mezzo proprio oppure navette, evitando il trasferimento con mezzi pubblici.