Home News Aziende italiane, tutte le misure dal fondo perduto sino alla cassa integrazione

Aziende italiane, tutte le misure dal fondo perduto sino alla cassa integrazione

CONDIVIDI

Per le aziende italiane il Governo ha pronte alcune misure per salvarle dalla crisi dopo essere state fermate dal lockdown.

Aziende italiane, tutte le misure dal fondo perduto sino alla cassa integrazione

Quali sono le misure che il Governo adotta per le aziende italiane che sono ferme e rischiano crisi e chiusura?

Le misure economiche del Governo

Tra scontri violenti nelle piazze per protesta e nuove regole per le attività, ora il Governo mette sul tavolo la necessità di supportare tutti i lavoratori e gli imprenditori che sono coinvolti da questo fermo per l’avanzare del virus.

Come si legge su Repubblica, il Governo lavora incessantemente per rifinanziare totalmente la cassa integrazione con 18 settimane aggiuntive. Nunzia Catalfo – Ministro del Lavoro – ha commentato durante una intervista a Inblu Radio che la misura dovrà essere inserita nel decreto Ristoro, pronto nelle prossime ore.

Prima che arrivi quindi la legge di Bilancio, si fa fronte a questa crisi e chiusura con un decreto ad hoc che possa tutelare i lavoratori e gli imprenditori.

Il viceministro Misiani ha commentato a RTL1025:

“l’obiettivo è andare in gazzetta ufficiale il 27 ottobre. il provvedimento è pronto e prevede contributi a fondo perduto”

Come lo stop alla rata Imu, credito di imposta inerente agli affitti, indennità per tutti i lavoratori stagionali, reddito di emergenza come dettagliato da Alessia Morani attraverso la sua pagina Facebook.

Cassa integrazione di 18 settimane

Secondo quanto emerso nella nuova cassa integrazione sono previste 18 settimane, con sconfinamento del 2020 e altre settimane di cassa. Durante la scorsa settimana Catalfo aveva evidenziato un primo finanziamento di 10 settimane per la copertura totale del 2020 e poi un avanzamento al prossimo gennaio.

Sempre nel Cdm si farà fronte anche ai settori più colpiti con una quota pari a 1,2 miliardi per bar, ristoranti, pasticcerie, piscine, cinema, teatri, sale giochi e tutti quei settori che non possono continuare la loro attività causa Covid.