Home Cronaca Aviano, a fuoco una ditta di rifiuti: l’azienda consiglia di restare a...

Aviano, a fuoco una ditta di rifiuti: l’azienda consiglia di restare a casa

CONDIVIDI

Il grosso incendio che ha colpito la ditta di Aviano ha provocato una gigantesca nube nera in cielo potenzialmente dannosa.

Aviano ditta
L’incendio ha generato una nube tossica, si raccomanda di chiudere le finestre e stare in casa (Foto di Meteo Web).

Massima allerta in queste ore ad Aviano dopo che una ditta che si occupa dello smaltimento dei rifiuti ha preso fuoco generando nel cielo una nube nera tossica.

L’incendio sarebbe partito dalla sede della Snua S.r.l.

L’incendio sarebbe divampato nella giornata di ieri, sabato 19 settembre, e avrebbe colpito la Snua S.r.l. Quest’ultima, come predetto, è incaricata dello smaltimento e trattamento dei rifiuti. A destare l’attenzione dei cittadini e non, l’enorme nube scura innalzatasi dalla struttura.

Ai cittadini è stata raccomandata la massima prudenza

Preoccupati dalla situazione, l’amministrazione di Aviano ha consigliato a tutti i cittadini di restare a casa e chiudere le finestre.

“State a casa con finestre chiuse e non avvicinatevi all’impianto”.

Questo l’appello lanciato dal consiglio di Aviano, e attuato successivamente anche dai paesi limitrofi come Roveredo, San Quintino e Porcia. Inoltre il sindaco di Roveredo ha specificato che questa misura precauzionale dovrebbe restare in vigore finchè non si avranno più informazioni dagli organi competenti.

Nell’aria, infatti, potrebbero essersi diffuse diverse sostanze tossiche per l’uomo dato che nel capannone della ditta di Aviano erano presenti materie di plastica e di riciclo. I primi ad arrivare sul posto, intorno alle 20, sono stati i vigili del fuoco, provenienti da tutta la regione.

I pompieri hanno cercato di contenere, per quanto possibile, le fiamme ma nonostante ciò i danni sono stati ingenti. Basti pensare, ad esempio, che la nuvola scura è stata visibile persino a Pordenone, distante più di dieci chilometri.

Ancora sconosciute le cause dell’incendio. Si attendono proprio in queste ore i risultati delle verifiche della qualità dell’aria da parte dell’Arpac.