Home News Auto ad idrogeno, saranno i nostri mezzi del futuro?

Auto ad idrogeno, saranno i nostri mezzi del futuro?

CONDIVIDI

L’auto a idrogeno, sarà il veicolo del futuro? Ecco come funziona il fuel cell e quali sono i principali pro e contro.

Auto a idrogeno 2019, come funziona il fuel cell? Pro e contro Luca Secondino Luca Secondino | 24 aprile 2019 - 17:07 | 2 L’auto a idrogeno costituisce un’alternativa reale e pulita per la mobilità: come funziona con le fuel cell e quali sono i vantaggi? Ecco i migliori modelli 2019. Auto a idrogeno 2019, come funziona il fuel cell? Pro e contro 44 Le auto a idrogeno nel 2019 sono ancora sulla rampa di lancio. Infatti, nonostante la tecnologia a idrogeno possa sembrare lontana dall’affermazione e dalla capillare diffusione a livello mondiale, le previsioni dicono che nei prossimi anni sarà predominante sul mercato. Quindi se l’auto elettrica è il futuro, le auto fuel cell ne sono una parte fondamentale che di certo non faticherà a trovare spazio nei rinnovamenti che investiranno il settore automotive. L’idrogeno costituisce un tipo di alimentazione alternativa che potrebbe sostituire con il tempo gli altri combustibili, e il fuel cell potrebbe sostituire i motori endotermici. La strada è solcata e non sono poche le case automobilistiche che credono fermamente nell’auto a idrogeno, nonostante lo scetticismo di alcuni automobilisti. I vantaggi che può portare l’alimentazione a idrogeno sono la riduzione massima delle emissioni (l’acqua è l’unico prodotto di scarico), la velocità di rifornimento, l’abbattimento dei consumi e l’autonomia prolungata. Ma ci sono anche degli svantaggi legati alla gestione non facile dell’idrogeno, dalle tecniche di elettrolisi che richiedono energia elettrica allo stoccaggio nelle stazioni di rifornimento. Vediamo come funziona questa tecnologia che si avvale di fuel cell e quali sono i pro e i contro di avere un’automobile alimentata ad idrogeno. Auto a idrogeno, come funziona L’idrogeno è il più abbondante elemento chimico presente nell’universo, ma non in forma naturale, per questo non è una fonte propriamente rinnovabile e va prodotto con diversi sistemi, tra cui alcuni nel rispetto dell’ambiente grazie allo sfruttamento delle alghe, fanghi e acque reflue o più comunemente attraverso l’elettrolisi dell’acqua. Il processo consiste in una corrente a basso voltaggio che attraversa l’acqua per rilasciare in forma gassosa ossigeno e idrogeno, e quindi consuma energia elettrica spesso prodotta da fonti rinnovabili come con l’eolico e il solare, ma spesso ancora da carbone. L’energia chimica ottenuta, fa muovere il motore in due modi: Bruciando in un motore a combustione interna come per i razzi che vengono spediti nello spazio; i veicoli con questa tecnologia sono chiamati Hydrogen Internal Combustion Engine Vehicle; Facendo reagire l’ossigeno in una pila a combustibile - fuel cell - per produrre elettricità. I veicoli con questa tecnologia sono chiamati Fuel Cell Electric Vehicle e sono quelli più promettenti per il futuro, su cui si concentra il settore automotive. Le pile a combustibile o fuel cell, non prevedono combustione termica ma una corrente elettrica che produce come unico scarto l’acqua per nulla alterata

L’auto a idrogeno potrebbe essere una valida alternativa per una futura mobilità ecosostenibile? Qual è il funzionamento dei veicoli fuel cell, i vantaggi e gli eventuali contro. La Svizzera sta acquistando dei camion ad idrogeno, nonostante non sia un combustibile capillarmente distribuito.

Funzionamento dei veicoli ad idrogeno

L’idrogeno è l’elemento più abbondante presente nell’universo, ma non è mai nella sua forma naturale. Non si tratta di una fonte rinnovabile in quanto si necessita sempre di un procedimento per produrlo. Ne esistono alcuni ecosostenibili, che sfruttano l’elettrolisi dell’acqua, uso di alghe o fanghi e acque reflue.

Il metodo di produzione si serve di una corrente a basso voltaggio che attraversa l’acqua, facendo rilasciare ossigeno e idrogeno sotto forma di gas. Il problema è l’uso della corrente, che non sempre è prodotta da fonti rinnovabili.

I motori per le machine ad idrogeno possono usare tecnologie specifiche:

  • Hydrogen Internal Combustion Engine Vehicle: il combustibile viene bruciato in un motore a combustione interna.
  • Fuel Cell Electric Vehicle: si fa reagire l’ossigeno all’interno di una pila a combustibile per produrre elettricità. Questa tecnologia è la più promettente per la produzione di auto. Si produce corrente elettrica, avendo di fatto un veicolo elettrico

Vantaggi e svantaggi

Pro

  • I tempi di ricarica sono simili a quelli di una macchina a gas, servono solo pochi minuti.
  • Hanno grande autonomia si parla di 480 km con un pieno
  • Emette vapore acqueo
  • In alcune regioni italiane, sono esentate dal bollo per alcune annualità

Contro

  • Difficoltà di rifornimento
  • Stoccare l’idrogeno è molto complesso, a causa delle temperature necessarie per lo stoccaggio e le pressioni di mantenimento.
  • Per lo stoccaggio è necessario l’uso di molta corrente per consentire l’elettrolisi
  • Le auto di questo tipo, ha ancora costi di acquisto e manutenzione molto alti.