Home Salute & Benessere Attenzione alle pillole dimagranti e lassativi: i devastanti effetti collaterali sulle donne

Attenzione alle pillole dimagranti e lassativi: i devastanti effetti collaterali sulle donne

CONDIVIDI

Adolescenti e giovani donne che usano pillole dimagranti e lassativi per il controllo del peso hanno da cinque a sei volte più probabilità di avere un disturbo alimentare nei prossimi tre anni, secondo uno studio statunitense.

lassativi e pillole dimagranti
lassativi e pillole dimagranti

L’uso di questi farmaci, come lassativi e pillole dimagranti, per la perdita di peso può essere pericoloso e può essere un segnale di avvertimento per considerare la consulenza.

Ciò perché c’è un rischio maggiore di sviluppare un disturbo alimentare come l’anoressia o la bulimia, scrivono gli autori dello studio sull’American Journal of Public Health.

La pubblicità di questi prodotti è comune sui social media e i prodotti sono facilmente accessibili presso le farmacie e le drogherie locali, il che dà ai giovani l’idea sbagliata di essere sicuri da usare“, ha affermato Jordan Levinson della Divisione di adolescenti e giovani del Boston Children’s Hospital Medicine per adulti, autore principale dello studio.

Ma questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. Questi prodotti non sono raccomandati dal punto di vista medico per una sana gestione del peso e possono persino essere pericolosi“, ha detto a Reuters Health via e-mail.

Quando i giovani mettono le mani su questi prodotti facilmente accessibili ma dannosi, vengono messi a rischio di comportamenti disordinati di controllo del peso e, come suggerisce il nostro studio, possono persino metterli sulla strada giusta per sviluppare un disturbo alimentare“.

Levinson e colleghi hanno analizzato i dati su oltre 10.000 donne statunitensi di età compresa tra 14 e 36 anni, che stavano partecipando a uno studio a lungo termine.

Le donne venivano esaminate ogni anno se avevano usato pillole dimagranti o lassativi per la perdita di peso durante l’anno passato e se avevano ricevuto una nuova diagnosi di un disturbo alimentare.

I ricercatori hanno escluso dall’analisi le giovani donne a cui è stato già diagnosticato un disturbo alimentare e si sono adattate per sovrappeso, età e altri fattori.

Hanno scoperto che i disordini alimentari si sono sviluppati solo nell’1% delle donne che non hanno segnalato l’uso di pillole dimagranti per il controllo del peso durante l’anno passato e l’1,8% di coloro che hanno usato pillole dimagranti.

Allo stesso modo, lo 0,8% delle donne che non hanno riferito di un uso lassativo per la perdita di peso è stato successivamente diagnosticato un disturbo alimentare, rispetto al 4,6% di coloro che hanno usato lassativi.

L’uso di questi tipi di prodotti può aumentare la probabilità di disturbi alimentari creando comportamenti alimentari irregolari, interruzioni fisiche alla digestione o problemi psicologici, ipotizzano gli autori dello studio.

I disturbi alimentari hanno tra i più alti tassi di mortalità di qualsiasi condizione di salute mentale, quindi la nostra scoperta che questi prodotti possono essere farmaci gateway per una condizione di salute mentale grave e potenzialmente letale è motivo di allarme“, ha detto Levinson.

I politici e i professionisti della salute pubblica dovrebbero collaborare per limitare l’accesso a pillole dimagranti e lassativi per adolescenti attraverso divieti o tasse, sostengono gli autori dello studio.

Ad esempio, Instagram e Facebook hanno recentemente vietato gli annunci destinati ai minori per i prodotti da banco per la perdita di peso e i rivenditori dovrebbero fare lo stesso, osservano gli autori.

Il team di ricerca sta lavorando con i legislatori del Massachusetts per vietare la vendita di questi prodotti ai minori di 18 anni.

Gli integratori alimentari che sostengono tutti i tipi di benefici per la salute o proprietà funzionali – tra cui perdita di peso, soppressione dell’appetito e costruzione muscolare – sono praticamente non regolamentati”

“La maggior parte delle persone non conosce la misura (in cui) questi prodotti non sono regolamentati o approvati dalla FDA“,

ha dichiarato Jennifer Pomeranz, avvocato e ricercatore di sanità pubblica presso la New York University di New York City, che non era coinvolto nello studio.

Sfortunatamente, negli Stati Uniti, gli interessi del settore nella vendita di prodotti sono spesso più apprezzati della responsabilità del governo di proteggere il pubblico da prodotti dannosi“, ha detto a Reuters Health via e-mail.

Anche se le persone non subiscono danni alla salute da integratori alimentari che reclamano benefici irraggiungibili”

“I consumatori sprecano denaro per loro e non possono intraprendere altre azioni per proteggere la loro salute, basandosi invece sulla falsa promessa di prodotti da banco“.