Home Cronaca Attende ore in ambulanza in attesa del risultato del tampone: morto al...

Attende ore in ambulanza in attesa del risultato del tampone: morto al pronto soccorso

CONDIVIDI

La drammatica vicenda è accaduta a Sulmona, in provincia de L’Aquila. La vittima è Attilio Caranfa.

muore pronto soccorso

Il paziente era risultato positivo al test rapido. Ha atteso ore prima che arrivassero i risultati del tampone ed è morto all’arrivo in pronto soccorso.

Ore di attesa in ambulanza: muore al pronto soccorso

Ha effettuato il test rapido ed è risultato positivo, dopodiché ha dovuto attendere i risultati del tampone, che si sono prolungati per ore.

È morto così Attilio Caranfa, 80enne di Roma, ma residente a Villalago. L’episodio è accaduto a Sulmona, in provincia de L’Aquila. L’80enne, come riferisce anche l’Ansa, ha trascorso diverse ore nell’ambulanza nella zona pre-triage del nosocomio.

Questa mattina il suo cuore ha cessato di battere e l’80enne è deceduto nella sala dell’ex pronto soccorso adibita ad area Covid.  Nelle prossime ore si attende la conferma della positività al covid, già attestata dal test rapido, che non lascerebbe comunque spazio a dubbi.

Indagini in corso

L’ospedale di Sulmona è privo di una zona attrezzata per evitare le lunghe soste dei pazienti che si sospetta siano positivi, in attesa di avere la risposta dal tampone.

Nei giorni scorsi, già gli operatori sanitari della struttura ospedaliera avevano minacciato di dare il via ad un’azione giudiziaria per chiedere che intervenissero i Nas a controllare lo spazio del pronto soccorso adibito ad area covid, ma privo delle attrezzature per soccorrere i pazienti.

Un’area abusiva, secondo quanto si legge dalle colonne dell’Ansa, che nelle ultime settimane ha ospitato una decina di pazienti, nonostante fosse priva di una zona a pressione negativa.

A seguito del decesso dell’anziano paziente, sono scattati i controlli da parte delle forze dell’ordine, che dovranno ora accertare se la morte dell’80 avrebbe potuto essere evitata, se l’area covid fosse stata dotata delle attrezzature necessarie.