Home Cronaca Asti, arrestato 17enne autore degli incendi alle auto: “Non sapevo che fare,...

Asti, arrestato 17enne autore degli incendi alle auto: “Non sapevo che fare, mi annoiavo”

CONDIVIDI

Il ragazzo, con diversi precedenti penali, avrebbe dato alle fiamme vetture e bus dal 5 settembre scorso.

auto in fiamme asti

Fermato dai Carabinieri, ha ammesso le sue colpe. Sequestrati diversi accendini nella sua abitazione.

Bus e auto dati alle fiamme

Lo cercavano dal 5 settembre scorso, quando, per le strade di Torino, macchine e autobus hanno iniziato ad essere coinvolti in strani incendi dolosi.

L’ultimo incendio risale al 22 ottobre scorso. Come riferisce anche Fanpage, fondamentali, per la cattura del piromane, sono state le immagini immortalate dalle telecamere di sorveglianza, che hanno permesso ai Carabinieri di identificare l’autore degli incendi.

Arrestato un 17enne

Si tratterebbe proprio di un adolescente torinese di 17 anni, che, alle domande delle forze dell’ordine, ha ammesso le sue responsabilità. 

Il ragazzo, che aveva alle spalle già precedenti per lesioni, ricettazione e rapina, qualche mese fa era stato in comunità, ma era uscito perché per nulla collaborativo.

“Espulso per mancanza di collaborazione, vanificando ogni prospettiva di aiuto con rinnovata esposizione per sua colpa allo stile di vita precedente”

si legge nelle motivazioni, che gli sono costate l’uscita dalla comunità per minorenni.

Ai Carabinieri che gli hanno chiesto il perché di quegli incendi, il ragazzo ha risposto:

“Non sapevo che fare, mi annoiavo”.

Il 17enne avrebbe agito da solo. A seguito dell’arresto, gli inquirenti hanno effettuato una perquisizione nella sua abitazione, dove sono stati rinvenuti numerosi accendini.

Come ulteriore conferma del suo coinvolgimento negli incendi avvenuti a Torino, gli inquirenti hanno rinvenuto delle piccole ustioni sulle mani, provocate dall’ultima azione dolosa messa in atto il 22 ottobre scorso.

Almeno una 15ina le vetture ed i mezzi danneggiati in questi due mesi. Il ragazzo, inoltre, durante le sue scorribande, aveva anche distrutto alcuni cassonetti utilizzati per la raccolta di abiti usati e diversi raccoglitori per la differenziata.