Home News Arcuri nominato responsabile per la distribuzione dei vaccini anti-Covid

Arcuri nominato responsabile per la distribuzione dei vaccini anti-Covid

CONDIVIDI

Giuseppe Conte ha deciso: toccherà a Domenico Arcuri occuparsi del piano di distribuzione dei vaccini in Italia.

Fonti di Palazzo Chigi confermano la notizia.

Emergenza virus

Come riporta il Fatto Quotidiano, il premier Giuseppe Conte ha destinato il commissario Domenico Arcuri quale referente per la distribuzione del vaccino anti covid in Italia.

La decisione presa da Conte, in concerto con il ministro della Salute Roberto Speranza, è arrivata a seguito di un colloquio avvenuto stamattina con lo stesso Arcuri.

L’intento è quello di rendere più celeri possibili le operazioni una volta che si sia in vista dell’arrivo delle prime dosi del vaccino.

Domenico Arcuri: chi è il commissario

Uomo di grande esperienza, il commissario Arcuri è stato nominato dal Governo commissario delegato per la gestione dell’emergenza Coronavirus e lavora al fine di consolidare la distribuzione di strumenti sanitari.

Infatti il commissario si è occupato già nei primi tempi di gestire l’emergenza quando occorreva rinvenire i tamponi e i ventilatori polmonari, oltre al materiale medico che veniva richiesto dalle Regioni, necessari a fronteggiare il coronavirus.

Il nuovo compito prevede che si gestiscano le scorte del vaccino, la loro conservazione e spedizione. Il tutto, spiega il governo, deve avvenire nella totale sicurezza e in modo efficiente.

Questo si renderà necessario in modo specifico se il vaccino approvato sarà quello della Pfizer-Biontech, che si basa su una delle tecnologie più innovative e avanzate.

Il governo ha illustrato il perché si rendono necessarie molte precauzioni:

“Perché il vaccino sia efficiente e avvenga in piena sicurezza, l’azienda produttrice ha spiegato che dovrà essere conservato a temperature tra i 70° e gli 80° sotto zero, durante tutta la catena, dalla produzione alla somministrazione”.

All’Italia per ora andranno 3,4 milioni di dosi per 1,7 milioni di italiani , inoltre questa tipologia di vaccino prevede che vengano effettuate due somministrazioni.