Home News Tim esclude Huawei dalla gara per i fornitori per l’appalto 5G

Tim esclude Huawei dalla gara per i fornitori per l’appalto 5G

CONDIVIDI

Appalto 5G: Tim esclude Huawei dalla lista dei fornitori

Telecom Italia (Tim) ha escluso la cinese Huawei Technologies cinese dalla gara d’appalto per apparecchiature 5G per la rete che si sta preparando a costruire in Italia e in Brasile.

L’elenco dei fornitori che parteciperanno alla gara comprende Cisco, Ericsson, Nokia, Mavenir e Affirmed Networks, una società recentemente acquisita da Microsoft.

Huawei si è difesa affermando che

«la sicurezza e lo sviluppo dell’Italia digitale dovrebbero basarsi su un approccio fondato sui fatti e non su accuse infondate».

Appalto 5G: elenco dei fornitori partecipanti

Secondo quanto riferito da Reuters l’elenco dei fornitori invitati comprende Cisco (CSCO.O), Ericsson (ERICb.ST), Nokia (NOKIA.HE), Mavenir e Affirmed Networks, una società recentemente acquisita da Microsoft (MSFT.O).

I rappresentanti di Huawei in Italia e Brasile hanno rifiutato di commentare.

L’Italia sta valutando l’opportunità di escludere Huawei dalla costruzione della sua rete 5G per timori che potrebbe aprire la strada alla Cina per spiare le principali infrastrutture di telecomunicazioni occidentali.

Huawei giovedì ha difeso il suo record come gruppo di infrastrutture del settore privato e ha affermato che

“la sicurezza e lo sviluppo dell’Italia digitale dovrebbero basarsi su un approccio fondato sui fatti e non su accuse infondate”.

Il governo degli Stati Uniti ha esortato i suoi alleati ad escludere il gigante cinese delle telecomunicazioni dalle comunicazioni di prossima generazione dell’Occidente.

Il Regno Unito pubblicherà questo mese un aggiornamento del governo sulla società cinese dopo avergli concesso un ruolo limitato nella costruzione della rete britannica 5G.

Il capo dell’agenzia francese per la sicurezza informatica ANSSI ha escluso un divieto totale delle apparecchiature Huawei per le reti 5G in una recente intervista, ma ha detto che i telcos francesi sono stati incoraggiati a evitare il passaggio alla società cinese.

Huawei non ha partecipato alla costruzione della rete principale esistente di TIM in Italia, mentre l’esclusione potrebbe segnare un cambiamento di rotta per TIM in Brasile, dove Huawei ha fornito apparecchiature 4G per la rete principale dell’unità locale del gruppo italiano TIM Participacoes (TIMP3 .SA).

Le cosiddette reti principali sono le aree in cui vengono elaborati i dati sensibili.

Huawei e i test 5G

Huawei ha condotto con successo test del 5G con tutti i principali vettori del Brasile, tra cui TIM Brasil, e li sta aiutando a modernizzare la propria infrastruttura prima di un’asta di spettro 5G.

Una persona che è a conoscenza dei piani di TIM Participacoes ha affermato che un’altra offerta per l’acquisto di attrezzi da 5G sarà probabilmente condotta in Brasile una volta che le nuove frequenze saranno messe all’asta dal governo, il che dovrebbe avvenire l’anno prossimo.

“Quando l’asta per l’acquisto di attrezzature 5G si svolgerà in Brasile, i prezzi garantiti all’Italia dai fornitori serviranno come riferimento massimo al di sopra del quale TIM Brasil non acquisterà”,

ha affermato la fonte, aggiungendo che Huawei potrebbe ancora partecipare alla seconda gara se l’amministrazione del Presidente Jair Bolsonaro lo consente.

Il leader brasiliano, ex capitano dell’esercito e stretto alleato del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha dichiarato il mese scorso che lo schieramento del 5G dovrebbe soddisfare i requisiti di sovranità nazionale, sicurezza delle informazioni e dei dati.

Huawei accusa gli Usa

Un dirigente di Huawei questa settimana ha avvertito che il Brasile potrebbe subire anni di ritardo nell’implementazione della rete 5G e costi più elevati se cedesse alla pressione degli Stati Uniti di ostacolare il fornitore cinese.

USA e Cina si erano lasciati già a dicembre con un accordo di “fase 1” tutto da esplorare.

I rapporti commerciali fra le due superpotenze potevano ripartire poi è scoppiata la pandemia e la situazione è diventata di nuovo incandescente.

A farne le spese è soprattutto Huawei, gigante del digitale “made in Cina” che Trump aveva già messo nel mirino con un ban commerciale che va avanti da un anno.

Per Huawei è vietato fabbricare chip in tutte le fonderie che utilizzano tecnologia americana.

Una misura che rischia di dare il colpo di grazia a Huawei tanto che si parla di «sopravvivenza a rischio».