Home News Antonio, il volontario del vaccino anti-Covid: “Sono sereno e sto bene”

Antonio, il volontario del vaccino anti-Covid: “Sono sereno e sto bene”

CONDIVIDI

Antonio Metastasio, di origine italiana, è uno dei 50mila volontari ad essersi sottoposto al vaccino anti-Covid di AstraZeneca e Università di Oxford.

Antonio Anti-Covid
L’uomo sta bene nonostante debba monitorare le sue condizioni.

Antonio Metastasio, lo psichiatra 44enne del National Health britannico che si è sottoposto al vaccino anti-Covid di AstraZaneca e dell’Università di Oxford sta bene.

Antonio Metastasio racconta come il vaccino non abbia alterato la sua vita.

Metastasio, infatti, raggiunto telefonicamente dalla testata Fanpage, ha esposto diverse dichiarazioni sul suo stato di salute.

“Sto benissimo, non ho mai avuto alcun problema. Vivo la mia vita normalmente, devo solo sottopormi a tampone una volta a settimana”.

L’uomo vive in Gran Bretagna, nello specifico a Cambridge, da ormai 15 anni, dove ha messo su famiglia, infatti, attualmente è padre di due bambini. Proprio negli scorsi giorni, Antonio, è stato sottoposto ad un nuovo richiamo del vaccino Anti-Covid.

L’uomo deve però sottoporsi settimanalmente ai tamponi

L’iniezione è avvenuta all’Addenbrooke’s Hospital di Cambridge. La particolarità di questa iniezione è che nè il medico nè il paziente sa con precisione cosa gli viene iniettato, questa formula è detta “doppio cieco”. Infatti, attualmente non si sa quello iniettato è il vaccino o una semplice placebo.

Al momento, inoltre, non dovrebbe esserci un secondo richiamo, come detto dallo stesso Metastasio:

“Tutto però può cambiare da un momento all’altro. Anche all’inizio dovevo avere una sola dose di vaccino ma poi hanno deciso di procedere anche al richiamo”

Antonio, inoltre, non si è preoccupato neanche quando si è saputo della sospensione del vaccino a causa delle complicazioni di un singolo paziente. Secondo l’uomo, infatti, è normale che 1 su 50mila possa avere una reazione avversa.

Per Antonio nessun problema sinora, come ribadito in più di un’occasione, infatti, la sua vita non è cambiata di una virgola ad eccezione dei tamponi settimanali a cui deve sottoporsi.