Home Spettacolo “Una serata al Billionaire, calca a Porto Cervo”. Antonella Mosetti, la sconvolgente...

“Una serata al Billionaire, calca a Porto Cervo”. Antonella Mosetti, la sconvolgente verità dietro i contagi in Sardegna

CONDIVIDI

Un boato, una verità shock che nessuno si aspettava. Intervistata da Il Messaggero, Antonella Mosetti svela tutta la verità dietro l’impennata dei contagi di Covid-19 avvenuta in Sardegna.

Antonella Mosetti

La verità nascosta dei contagi di Covid-19 nella mondana Costa Smeralda? Lo spiega Antonella Mosetti, dopo che i principali quotidiani italiani hanno parlato di un allarmante focolaio al Billionaire di Flavio Briatore.

Antonella Mosetti, la sconvolgente verità dietro i contagi al Billionaire

Intervistata da Il Messaggero, la quarantacinquenne romana ha voluto fare chiarezza, onde evitare che le dinamiche della vicenda venissero alterate da gossip e giornalisti estranei al caso:

“Sì, ho trascorso lì una serata. Non è possibile dire se ho preso il virus nel locale, ma sicuramente l’ho preso in Sardegna. Al Billionaire lo staff era scrupoloso, indossavano tutti la mascherina”

La showgirl sostiene fermamente di aver visto il personale del Billionaire seguire scrupolosamente i protocolli anti-Covid. Secondo Antonella Mosetti non sarebbe andato così in altre località turistiche:

“Dubito di essere stata contagiata dal personale, perché erano tutti rispettosi delle norme. Il problema è generale. Probabilmente dopo mesi di lockdown abbiamo abbassato la guardia, ci siamo sentiti sollevati, convinti di avere sconfitto il virus. E invece non era così. Non solo. Nel centro di Porto Cervo, che è piccolo, c’era la calca, una massa di persone senza mascherina. Ma era lo stesso in altre parti d’Italia. Prima ero stata in Puglia e la situazione era identica. Ora ho paura per i rientri. Quasi tutta Roma Nord era in Costa Smeralda”

Antonella Mosetti svela tutta la verità dietro i vip contagiati

Tra le conoscenze di Antonella Mosetti, circa venti persone sono risultate positive al virus. La sintomatologia atipica l’ha spinta a rientrare a Roma con largo anticipo:

“Una ventina, dieci di loro sono romani. Ma sono sicura che il numero sia più alto e che molte persone che ho incontrato non lo dicano. Io sarei dovuta tornare il 24, ma quando ho iniziato ad accusare certi sintomi mi sono preoccupata e sono tornata il 19”

Sebbene in Sardegna ci fosse anche sua figlia, Asia Nuccetelli non ha contratto il Covid-19:

“Ho deciso di fare il tampone insieme a mia figlia, che abita con me e che era anche lei in Sardegna. Io sono risultata positiva, mentre lei no… Il test sierologico è risultato negativo”