Home Casi Annamaria Franzoni, emerge la verità sul reddito di cittadinanza “negato”

Annamaria Franzoni, emerge la verità sul reddito di cittadinanza “negato”

CONDIVIDI

Il reddito di cittadinanza negato ad Annamaria Franzoni e la verità dietro questa notizia diffusa da tutti i media

Annamaria Franzoni
Annamaria Franzoni

Annamaria Franzoni e il reddito di cittadinanza, una notizia che si è diffusa a macchia d’olio e ora l’avvocato fa emergere la verità.

La libertà della Franzoni

Il delitto di Cogne non è un caso di cronaca semplice bensì l’omicidio di un bambino che nel gennaio del 2002 è rimasto impresso nella memoria di tutti.

Il piccolo Samuele è morto dopo essere stato violentemente ucciso con dei colpi di arma contundente. La versione della madre è sempre rimasta la medesima, ovvero che qualcuno fosse entrato in casa mentre lei accompagnava il primogenito a prendere lo scuolabus.

Nel 2008 è stata condannata per 16 anni accusata dell’omicidio del piccolo Samuele e nel 2014 era stata messa ai domiciliari per buona condotta presso Ripoli Santa Cristina.

Oggi è una donna libera e continua la sua vita con i due figli e il marito, che non l’ha mai lasciata sola restando al suo fianco e credendo in lei.

Da qualche giorno gira però una notizia in merito al reddito di cittadinanza negato dall’Inps. Ma qual è la verità?

La verità sul reddito di cittadinanza

Come evidenzia anche il Resto del Carlino, la notizia che è stata diffusa in questo periodo è falsa. Una fake news per alimentare l’attenzione mediatica verso la vicenda brutale e la protagonista stessa.

L’avvocato difensore della donna Paola Savio smentisce che la donna abbia mai richiesto il sussidio e per questo motivo non le è stato negato. E’ bene evidenziare quindi che non ci sia mai stata la volontà di richiedere il reddito e che l’Inps non lo ha rigettato in base al suo passato – come divulgato.