Home Salute & Benessere Amore, perchè le donne soffrono più degli uomini? Ecco il VERO motivo

Amore, perchè le donne soffrono più degli uomini? Ecco il VERO motivo

CONDIVIDI

E’ una certezza: le donne in amore soffrono più degli uomini! Ecco il vero motivo

In amore le donne idealizzano e sviluppano più facilmente una dipendenza affettiva. L’esperto, Michele Cucchi – come si evince su Vanity Fair –  illumina su come mai il gentil sesso soffra di più, in particolar modo al termine di una relazione.

Perchè le donne soffrono di più?

Le donne e l’amore, legati da sempre l’una all’altra, sarà per questo che le donne soffrono di più quando una storia d’amore finisce.

Purtroppo, come spiega lo psichiatra dottor Michele Cucchi:

“le donne soffrono in modo diverso dagli uomini perchè chiedono e danno diversamente nella relazione di coppia”

Le donne tendono a sviluppare più facilmente una dipendenza affettiva nei confronti degli uomini, si disperano e vivono la fine di una relazione in maniera catastrofica, molto probabilmente a causa del fatto che vivono il rapporto amoroso in maniera dipendente.

A tal proposito, dall’Università di Binghampton e dalla University College London, è stato condotto uno studio sulla correlazione donne e dipendenza affettiva in una relazione di coppia, quest’ultimo ne conferma l’esito.

Le cause della dipendenza affettiva possono essere diverse ed possono oscillare dalla semplice devozione del compagno al fantasticare sulla coppia, ai momenti condivisi. Di fatto le persone insicure cadono in crisi al termine di una relazione, la paura di non farcela da sola e di affrontare il futuro senza il proprio compagno le terrorizza. Ma di fatto non è cosi, come ci spiega il dottor Cucchi, le donne di oggi sono fortissime, creano il collante di una relazione e sono spinte a creare una famiglia, in una società debole e fragile come la nostra.

La fine di una storia non è mai facile per ambo i sessi. Mentre l’uomo diventa egoista e si chiude a riccio, investendo le sue risorse in passioni e amici – la donna, cade più facilmente in disperazione e solitudine.

Con il tempo c’è un rovescio dello stato emotivo: la donna è pronta a rimettersi in gioco, mentre l’uomo inizia l’elaborazione del lutto finora soffocato.

Purtroppo la nostalgia gioca brutti scherzi, giungendo ad idealizzare il passato, ed è per questo che è indispensabile puntare sulla condivisione e sulla propria rete sociale, per facilitare l’elaborazione del lutto e iniziare il processo di rinascita.