Home News Amici, che fine ha fatto Lo Strego? Oggi l’ex cantante di Amici...

Amici, che fine ha fatto Lo Strego? Oggi l’ex cantante di Amici ha cambiato completamente volto

CONDIVIDI

Era per tutti Lo Strego. Uno dei concorrenti più amati delle scorse edizioni di Amici. Ecco che fine ha fatto Nicolas Burioni.

Lo Strego, Amici
Lo Strego

Ad Amici di Maria De Filippi, sono passati tanti concorrenti, altri dalla discreta bravura, altri ancora dal talento indiscutibile. Ci sono stati, però, degli allievi che hanno lasciato il segno per la loro particolarità: tra questi, possiamo sicuramente citare Lo Strego.

Nel programma, il ragazzo aveva spesso dei diverbi con Riccardo Marcuzzo – anche se, poi, sono diventati grandi amici – ma certamente non era questo ciò che ha reso Nicolas Burioni (questo il suo vero nome), famoso nel talent show, bensì la sua musica decisamente particolare. Che fine ha fatto oggi? Scopriamlo insieme.

Lo Strego, l’esperienza ad Amici

Voce particolare, testi interessanti, musica diversa: sono tutti gli elementi che hanno caratterizzato l’attività artistia di Nicolas Burioni, alias Lo Strego.

Dopo il programma di Maria De Filippi, ll giovane ha pubblicato un album, intitolato Benemerito artista del popolo che – però – non ha ottenuto l’accoglienza di pubblico tanto sperata.

La sua originalità, dunque, non è stata premiata dal pubblico mainstream che – molto probabilmente – apprezza i tanti più “commerciali” – per così dire – che, ogni anno – il programma sforna.

Lo Strego, che fine ha fatto?

L’artista – secondo quanto si può capire da rumor e vari aggiornamenti sui social – pare sia legato al team di Riki che è uno dei suoi più grandi amici.

Queste – c’è da dirlo – sono solamente supposizioni, in quanto non si hanno notizie ufficiali in merito. Quello che si può intuire è il fatto che Lo Strego non abbia proseguito il suo percorso nel mondo della musica.

Probabilmente, il suo scarso successo è derivato dal fatto che la sua musica originale è stata lanciata nel momento sbagliato, quando l’indire non era così apprezzata come lo è – invece – oggi in Italia.