Home News Amica adulta la fa prostituire e la madre lo scopre dai messaggi...

Amica adulta la fa prostituire e la madre lo scopre dai messaggi WhatsApp

Una storia agghiacciante quella che arriva da Almería in Spagna, dove una mamma grazie ad alcuni sms su WhatsApp ha scoperto che la figlia si prostituiva da due anni.

Scoperto un giro di prostituzione minorile.

Con la ragazzina nel giro anche altri quattro minorenni.

Prostitute minorenni

Una donna ha realizzato che sua figlia andava a prostituirsi, assieme ad altri quattro minori, per mezzo di misteriosi sms di WhatsApp che sono stati scoperti sul cellulare della ragazza ancora minorenne.

A condurre il sistema di prostituzione minorile, come riportato da Il Messaggero era una signora adulta, che sfruttava la conoscenza con i minorenni, per approfittare sessualmente di loro.

Il traffico di prostituzione di minori è stato scoperto ad Almería, in Spagna, in seguito alla segnalazione di una delle madri degli adolescenti coinvolti.

Qui una banda dal 2019 ha fatto prostituire cinque adolescenti di 13, 15 e 16 anni, stando a un rapporto dell’Armed Institute.

Scattate le manette

Un gruppo di 10 persone è stato dichiarato in arresto nell’operazione che è scaturita dalla denuncia, tra questi anche la donna che organizzava la prostituzione.
Gli implicati devono rispondere dei reati di prostituzione, corruzione e abuso di minori, e sfruttamento sessuale.

Il responsabile di questo giro procacciava la clientela per mezzo del web e di chat con dei contenuti a sfondo sessuale, strumentalizzando la sua amicizia con i minori per indurli a prostituirsi.

Una parte degli uomini che partecipavano alla vicenda avrebbe addirittura avuto la possibilità di avere rapporti con i minorenni settimanalmente per due anni.

Questa operazione ha avuto inizio nel giugno 2020, in risposta alla denuncia di una mamma e ha permesso di scoprire una vasta rete di persone coinvolte, attraverso il web.

Gli incontri con i giovani che si prostituivano avvenivano nelle abitazione dei clienti stessi, ma anche nei posti che i clienti indicavano come i parcheggi isolati localizzati in diversi comuni della provincia di Almería in Andalusia.