Home News Amianto, torna legale negli USA tra paura e polemica

Amianto, torna legale negli USA tra paura e polemica

CONDIVIDI

Negli USA sarà di nuovo possibile utilizzare l’amianto. A deciderlo è stata l’Agenzia di protezione ambientale

Amianto
Amianto

L’EPA l’Agenzia di protezione dell’ambiente degli Stati Uniti, ha sorprendentemente deciso di rendere di nuovo legale l’utilizzo dell’amianto nei materiali per l’edilizia. Il suo utilizzo negli USA è stato proibito dal 1989, come nella maggior parte dei paesi a livello mondiale. Secondo l’ADAO cioè l’Associazione per le malattie legate a qesto materiale, solo negli Stati Uniti annualmente sono 40.000 le persone che muoiono.

Trump, contrario al bando da sempre

Donald Trump si è sempre detto contrario a queste misure, dicendo che ci debba essere comunque un utilizzo minimo di questo materiale. Lo scrisse nel suo libro Art of Comeback in tempi non sospetti nel 1997, dove possiamo leggere

“il bando è una cospirazione guidata dalla malavita, in quanto le società che effettuano la rimozione dell’amianto sono spesso legate alla malavita”

Blocco dei controlli

L’EPA ha fatto sapere che a partire da agosto non ci saranno più controlli nell’ambiente. Un cambio totale d’indirizzo, infatti sotto l’amministrazione Obama invece s’erano intensificati. Chelsea Clinton ha pubblicato un post su Twitter in cui risponde a questa scelta modificando lo slogan di Trump in Make Asbestos Great Again.

Una delle poche società che ancora producono amianto è la russa Uralasbest. Per darci un’idea di come sia stata recepita l’idea di Trump ha posto sulle confezioni il volto di Donald Trump sulle confezioni delle lastre d’amianto. Come se non bastasse ha aggiutno la scritta

approvato dal Donald Trump, il 45mo presidente degli Stati Uniti

L’azienda è in grado di produrre il 21% dell’amianto mondiale e quasi a giustificarsi sul profilo facebook ha risposto ad un commento con una “Trump sta con noi”. Anche il Brasile esporta amianto negli Usa, che insieme a quello russe raggiungono le 480 tonnellate annue. Questo materiale viene impiegato nella produzione di acido cloridrico e candeggina. Bisogna però dire che presto il Brasile smetterà di produrre amianto per motivi sanitari e ambientali.