Home News Allegri, l’allenatore ex Juve avrebbe rifiutato un TOP CLUB

Allegri, l’allenatore ex Juve avrebbe rifiutato un TOP CLUB

CONDIVIDI

Secondo alcuni rumors il tecnico toscano avrebbe rispedito al mittente l’offerta del Borussia Dortmund.

E’ passato circa un anno preciso dall’ultima volta che abbiamo visto su una panchina Massimiliano Allegri. Dopo 5 anni alla guida della Juventus, infatti, la società bianconera decise per un rinnovamento della squadra, a partire proprio dal suo allenatore. Una storia, quella tra il tecnico toscano e la formazione torinese, ricca di alti e bassi, basti pensare all’aspra contestazione subita al momento della sua firma, avvenuta il 16 luglio 2014. Il motivo principale del tutt’altro che caldo benvenuto è da ricercarsi non solo nel passato ai rivali del Milan del tecnico, ma anche per l’abbandono senza alcun preavviso di Antonio Conte, bandiera della Juve e uomo del primo scudetto post calciopoli. Allegri però è riuscito a rispondere alle accuse vincendo diversi trofei alla guida dei bianconeri, riuscendo persino a portarli a giocare due finali di Champions League.

Dal momento della fine dei rapporti lavorativi con la Juventus, Allegri è sempre stato al centro di diverse trattative di mercato, ma chi più di tutti ci ha provato, sopratutto nell’ultimo periodo, sembra esser stato il Borussia Dortmund. La squadra tedesca, infatti, sembrerebbe alla ricerca di un sostituto per il tecnico svizzero ex Nizza Lucien Favre e avrebbe individuato proprio in Allegri il degno erede.

A quanto pare però Allegri avrebbe rifiutato la proposta contrattuale dei giallo-neri. Il motivo principale, stando ad alcuni rumors, sarebbe da ricercare nella voglia del tecnico di mettersi alla prova all’interno del campionato inglese, la Premier League. Persino la nota rivista calcistica inglese, il Daily Mirror, si è sbilanciata sul futuro di Allegri, il quale starebbe aspettando una chiamata in particolare, ossia quella del Manchester United. Non resta che aspettare il termine della stagione per saperne di più, sperando di tornare a vedere l’allenatore alla guida di qualche top club d’Europa.