Home Salute & Benessere Perché mi puzza l’alito? Le cause che non tutti conoscono

Perché mi puzza l’alito? Le cause che non tutti conoscono

CONDIVIDI

L’alitosi è familiari a molte persone. Ecco le cause che la possono scatenare.

alitosi
alitosi

Anche se mancano dati epidemiologici precisi, alcuni studi hanno suggerito che l’alitosi può essere scatenata da dietro le cavità dentali e le malattie gengivali come i motivi più frequenti per le visite dal dentista.

Le cause

La causa alla base dell’alitosi può variare da banale – come la scarsa igiene orale dopo i pasti – a complicazioni potenzialmente letali da diabete e insufficienza renale.

Il cibo che mangi può influire sul respiro. Se mangi cibi con odori forti, come aglio o cipolle, gli odori accompagneranno il tuo respiro.

Quando il sistema digestivo scompone il cibo, entra nel flusso sanguigno. Oli pungenti nell’aglio e nelle cipolle alla fine entrano nei polmoni e causano l’alitosi.

Lavarsi i denti, mangiare una mentina o usare il collutorio copre l’odore, ma non sparirà completamente fino a quando il cibo non avrà lasciato il corpo.

Le particelle di cibo possono anche rimanere in bocca se non si lavano i denti o il filo interdentale quotidianamente.

Queste particelle si raccolgono tra i denti e favoriscono la crescita di batteri, che si accumulano in bocca e causano l’alitosi.

Fumare e masticare tabacco può anche portare a cattivi odori e alitosi. Oltre ai propri odori, le particelle di tabacco si accumulano nei denti e portano alla crescita dei batteri nello stesso modo in cui lo fa il cibo.

Inoltre, i fumatori e i masticatori hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gengivali, il cui sintomo è l’alitosi.

La saliva aiuta a purificare la bocca e lavare via particelle di cibo e batteri.

Tuttavia, tutti producono meno saliva durante il sonno, il che porta a secchezza delle fauci e al temuto “respiro mattutino“.

È peggio per coloro che dormono con la bocca aperta.

Nella condizione chiamata chetoacidosi diabetica, il corpo non può rompersi correttamente e utilizzare il glucosio come fonte di energia, quindi opta per abbattere il grasso corporeo.

Come sottoprodotto di questo, il corpo produce chetoni.

Questi possono provocare alito dolce e fruttato se la malattia non viene curata e le sostanze chimiche continuano ad accumularsi nel sangue e nelle urine, secondo il National Institutes of Health.

Sebbene possa sembrare più piacevole dell’alitosi convenzionale, la chetoacidosi diabetica può diventare un problema serio se non indirizzata, poiché i chetoni sono velenosi ad alti livelli.

Anche l’insufficienza epatica in fase avanzata può causare l’alitosi. Conosciuto anche come “Fetor hepaticus”, l’aroma dolce e ammuffito è causato dal dimetil solfuro, non dai chetoni.

A causa di questo sintomo, l’analisi del respiro potrebbe essere potenzialmente utilizzata come strumento diagnostico per rilevare patologie epatiche, secondo un articolo pubblicato da ricercatori belgi sul Journal of Chromatography B.

Inoltre, le persone con insufficienza renale cronica possono avere l’alito che profuma di “pesce” o di ammoniaca, secondo l’NIH.

Conosciuta come “fetore uremico”, l’elevata concentrazione di urea nella saliva e la sua successiva scomposizione in ammoniaca causano questa condizione.

Altri problemi medici associati all’alitosi includono sinusite (seni infiammati), polmonite, bronchite, flebo postnasale e reflusso acido.