Home News Alibaba sarà il prossimo obiettivo della repressione di Trump?

Alibaba sarà il prossimo obiettivo della repressione di Trump?

CONDIVIDI

Il gigante della tecnologia Alibaba ha offerto un ramoscello d’ulivo al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, mentre continua a minacciare le aziende cinesi.

trump

L’amministratore delegato Daniel Zhang ha affermato che le politiche del colosso cinese online

“sono pienamente in linea con gli interessi sia della Cina che degli Stati Uniti”.

Il comunicato è giunto dopo che Alibaba ha annunciato un balzo delle vendite trimestrali migliore del previsto.

Nel frattempo Trump ha promesso di imporre tariffe alle aziende statunitensi che si rifiutano di trasferire i posti di lavoro dall’estero.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha invitato le aziende tecnologiche americane a tagliare i legami con le società cinesi, inclusi i fornitori di cloud computing Alibaba, Tencent e Baidu come parte del cosiddetto programma “Clean Network” dell’amministrazione Trump.

La decisione è giunta quando il Presidente Trump ha firmato due ordini esecutivi rivolti all’app di condivisione video di proprietà cinese TikTok e alla piattaforma di messaggistica WeChat.

Alibaba sarà il prossimo bersaglio del Presidente Trump?

“Il principale obiettivo commerciale di Alibaba negli Stati Uniti è sostenere i brand, i rivenditori, le piccole imprese e gli agricoltori americani per la vendita ai consumatori e ai partner commerciali in Cina, nonché in altri mercati chiave in tutto il mondo”,

ha riferito Zhang agli investitori.

“Stiamo monitorando da vicino l’ultimo cambiamento nelle politiche del governo degli Stati Uniti nei confronti delle società cinesi, che è una situazione molto fluida”.

Zhang sta valutando la situazione e qualsiasi potenziale impatto e in modo approfondito per mettere in atto le azioni necessarie

“per conformarci a qualsiasi nuova normativa”.

Allo stesso tempo, la società con sede a Hangzhou ha dichiarato che le vendite trimestrali sono aumentate del 34%, rispetto a un anno fa.

Le azioni di Alibaba sono aumentate di oltre il 20% quest’anno poiché gli investitori di tutto il mondo hanno investito denaro in società tecnologiche.

La repressione di Trump in Cina

Dalla Pennsylvania il Presidente Trump ha sottolineato che se sarà rieletto, Washington imporrà dazi alle aziende americane che si rifiutano di trasferire i posti di lavoro negli Stati Uniti.

“Daremo crediti d’imposta alle aziende per riportare posti di lavoro in America, e se non lo fanno, applicheremo tariffe a quelle società, e loro dovranno pagarci un sacco di soldi”.

Ciò si è aggiunto all’impegno del presidente di offrire crediti d’imposta per invogliare le aziende statunitensi a spostare le fabbriche fuori dalla Cina.

Ha anche minacciato di privare i contratti del governo degli Stati Uniti di società che continuano a esternalizzare il lavoro in Cina.