Home Cronaca Alessio Allegri, chi era il cestista morto durante la partita che stava...

Alessio Allegri, chi era il cestista morto durante la partita che stava per diventare papà

CONDIVIDI

Era giocatore di basket, allenatore e futuro papà: la vita spezzata di Alessio Allegri a causa di un malore fatale in campo

Alessio Allegri
Alessio Allegri

Aveva solo 37 anni Alessio Allegri ma la sua vita è stata spezzata durante una partita in campo ieri sera a Rho. Chi era il cestista chiamato “Koeman”

Chi era Alessio Alberti

Aveva la passione per il basket ed il mondo del basket regionale  lo ama: capitano dell’Osl Garbagnate squadra che gioca in Serie C era però anche apprezzato da tifosi ed amici per il suo impegno come istruttore ed allenatore dei più giovani e della squadra femminile.

Sposato, sarebbe diventato padre tra pochi giorni ma non è riuscito a coronare il suo sogno più grande spegnendosi sul campo a cui aveva dato tanto impegno e dedizione.

Alessio aveva infatti rinunciato al trasferimento in sedi e sarebbero state più vantaggiose per la sua carriera per rimanere al Garbagnate.

Ecco cosa è accaduto in campo domenica pomeriggio.

La tragedia in campo che ha scioccato tutti

E’ di ieri sera la notizia dell’immane tragedia che ha colpito il mondo del basket e tutta la comunità lombarda.

Come riporta Today durante la partita di basket della Serie C Silver che si stava svolgendo domenica 15 sul campo di Rho tra le squadre del Osl Garbagnate e La Torre di Torre di Boldone, all’improvviso il capitano Alessio Alberti detto Koeman si è improvvisamente accasciato a terra.

Tutti hanno pensato ad un malore e lo sportivo è stato subito soccorso dai sanitari presenti a bordo campo ed inizialmente una sua ripresa ha fatto ben sperare.

Trasportato però all’ospedale è giunta nella serata di ieri la notizia del peggioramento e della morte per arresto cardiaco.

La comunità ed i conoscenti sono rimasti scioccati dalla vicenda e sui social si stanno accavallando tantissimi messaggi di addio e di cordoglio:

“Alessio sei stato il giocatore migliore di tutti, dentro e fuori dal campo”
“Prenditi cura dal cielo del bimbo che avresti conosciuto tra pochi giorni”

Tanti i pensieri rivolti infatti alla moglie conosciuta ed amata fin dai tmpi della scuola e del piccolo che non vedrà mai il suo papà.