Home Personaggi Aldo Vitali, chi è il giornalista e direttore di Tv Sorrisi e...

Aldo Vitali, chi è il giornalista e direttore di Tv Sorrisi e Canzoni: figlia e Stefano Accorsi

CONDIVIDI

Chi è Aldo Vitali, il giornalista e direttore di Tv Sorrisi e Canzoni, grande appassionato di teatro e del mondo dell’editoria

aldo vitali

Scopriamo tutti i segreti di Aldo Vitali, dai primi anni al successo nella sua carriera professionale.

Chi è Aldo Vitali

Nasce a Milano, il 18 giugno del 1957, sotto il segno zodiacale del gemelli. Si laurea in Lettere all’Università di Firenze, dopo di che raggiunge un grande successo nella sua carriera professionale.

Diventa, infatti, Direttore Responsabile del settimanale Tv Sorrisi e Canzoni, ma, prima di ottenere questo importante incarico, fa parte della direzione “spettacoli” de Il Giornale.

In seguito a quest’esperienza, collabora con la Walt Disney, dove assume l’incarico di Vice Direttore del celebre fumetto Topolino. Passa quindi al settimanale Max, sempre nelle vesti di Vice Direttore. Nel 2000 assume l’incarico di condirettore.

Arriva la “promozione” a Tv Sorrisi e Canzoni e nel frattempo dà vita anche a una rivista di attualità sul Santo Padre, dal titolo Il mio Papa.

Oltre alla carriera di giornalista, Vitali insegue anche quella di attore. Fa, infatti, teatro per quattro anni con Luca Ronconi.

Nel frattempo, lavora con Montanelli dal 1983 al 1995, dopo di che collabora con Max e GQ, e si cimenta nella scrittura di alcuni libri e romanzi.

Vita privata e curiosità

Vitali è sposato con Simona, con la quale ha una figlia, Bianca.

La figlia Bianca non è altro che Bianca Vitali, modella per grandissime griffe e attrice nella fiction intitolata “1992”, moglie del celebre attore Stefano Accorsi, conosciuto proprio sul set.

Aldo Vitali è, quindi, il suocero dell’attore originario di bologna, con il quale andrebbe molto d’accordo.

L’uomo è interista da sempre, e in alcune interviste ha raccontato di aver avuto un cane di nome Bobo, come il diminutivo di Christian Vieri. Un volta che l’attaccante passò al Milan, lo cambiò in Figo.