Home Casi Alberto Antonello, il trasferimento dopo il coma: emergono i risultati dell’esame tossicologico

Alberto Antonello, il trasferimento dopo il coma: emergono i risultati dell’esame tossicologico

CONDIVIDI

Una lunga battaglia quella di Alberto Antonello dopo il grave incidente che ha fatto perdere la vita alla sua fidanzata Giulia. Ma come sta il ragazzo?

Alberto Antonello
Alberto Antonello

Alberto Antonello dopo l’incidente è stato trasportato urgentemente all’ospedale in coma. Il risveglio, la sedazione e ora il trasferimento.

Le condizioni di salute di Alberto Antonello

Il figlio di Franco si era risvegliato dal coma chiedendo della sua Giulia, morta durante il terribile schianto. Viste le sue condizioni molto delicate i medici hanno pensato di indurlo nuovamente al coma farmacologico al fine di tenerlo sotto controllo.

Dopo tre giorni il ragazzo è stato trasferito vicino a casa, all’Ospedale di Castelfranco come da nota della stessa Usl 3 che precisa:

“al termine della giornata si sono verificate le condizioni per il trasferimento, che ha consentito il riavvicinamento del paziente al domicilio”

Il recupero del ragazzo viene considerato ottimale ma nonostante questo la prognosi resta riservata e le sue condizioni di salute, vengono tenute sotto stretto controllo.

Oltre a questi traumi si aggiungerà anche un dolore di origine psicologica per la perdita della fidanzata, nella modalità in cui è avvenuto il tragico incidente.

Cinque ore prima i ragazzi erano stati fermati dai Carabinieri e la patente era stata ritirata per una piccola partita di Marijuna. Nonostante l’obbligo e permesso scritto di arrivare sino all’abitazione, i due ragazzi sono andati in discoteca e al ritorno il tragico schianto – fatale per Giulia.

Il padre Franco, famoso per la sua battaglia e la storia che ha raccontato attraverso libri e trasmissioni televisive insieme al primogenito Andrea, combatte e sta vicino al suo Alberto difendendolo da alcune accuse, che sono emerse dopo l’incidente.

Gli esami tossicologici hanno confermato l’uso di stupefacenti – cannabinoidi – ma non è ancora chiaro se durante l’incidente il ragazzo fosse sotto effetto o meno. Le indagini su questi punti continuano.