Home Personaggi Alberto Angela, chi sono la moglie e i figli del divulgatore scientifico

Alberto Angela, chi sono la moglie e i figli del divulgatore scientifico

CONDIVIDI

Chi è Alberto Angela, il noto divulgatore scientifico, sposato con Monica e padre di tre figli, Alessandro, Riccardo ed Edoardo

alberto angela

Scopriamo tutti i segreti sull’amatissimo Alberto Angela, dagli inizi della carriera fino ad arrivare alla vita privata in compagnia della moglie e dei figli.

Chi è Alberto Angela

Nasce a Parigi, l’8 aprile del 1962. Si diploma in Francia, dopo di che si iscrive al corso di Scienze Naturali all’Università La Sapienza di Roma, laureandosi con 110 e lode.

Continua gli studi frequentando diversi corsi di specializzazione in università degli Stati Uniti d’America (Harvard, Columbia University, UCLA), approfondendo la paleontologia e la paleoantropologia.

Durante oltre 10 anni svolge attività di scavo e di ricerca sul campo, partecipando a spedizioni internazionali alla ricerca dei resti fossili di antenati dell’uomo. A questa attività, fa seguito la professione per la quale è più noto, quella di divulgatore scientifico, in particolare attraverso la televisione.

Nel 2020, torna in tv con la terza stagione di Meraviglie – La penisola dei tesori, un viaggio per l’Italia alla scoperta delle bellezze naturali e artistiche della penisola.

Moglie, figli e rapimento

Angela è figlio del noto divulgatore scientifico Piero Angela e di Margherita Pastore in Angela. L’uomo è sposato con Monica e insieme hanno tre figli maschi: Alessandro (1998), Riccardo (1999) ed Edoardo (2004).

Il divulgatore è stato bocciato in quinta elementare, un’esperienza che ha cambiato enormemente il suo approccio alla scuola e alla cultura. Parla correttamente quattro lingue: inglese, francese, italiano e swahili.

Non tutti lo sanno, ma Alberto Angela è stato rapito nel 2002, mentre si trovava in Niger per girare una puntata di Ulisse. L’uomo, che l’ha definita come l’esperienza più brutta della sua vita, ha raccontato di essere stato picchiato e torturato psicologicamente, anche con delle finte fucilazioni.

Successivamente è stato abbandonato nel deserto e ha subito la devastazione della sua auto, con la confisca di tutto il materiale contenuto all’interno.