Home Casi Affidi illeciti, il Sindaco di Bibbiano querela tutti: tra questi anche Luigi...

Affidi illeciti, il Sindaco di Bibbiano querela tutti: tra questi anche Luigi Di Maio

CONDIVIDI

Il caso degli affidi illeciti prende una piega differente, con il Sindaco di Bibbiano che presenta la sua querela denunciando anche Luigi Di Maio

Affidi illeciti
Affidi illeciti

Andrea Carletti sbotta e parla del caso affari illeciti, dove da Bibbiano lancia la sua querela anche contro il Ministro Luigi Di Maio.

La querela del Sindaco di Bibbiano Carletti

Andrea Carletti è il Sindaco di Bibbiano oggi sospeso e agli arresti domiciliari in merito all’inchiesta inquietante dei bambini portati via ai genitori in maniera illecita, poi sottoposti ad elettroshock per fargli dimenticare il passato.

Una storia assurda dove ogni giorno emergono dettagli molto importanti. Secondo la Procura di Reggio Emilia il Sindaco ha una importanza fondamentale in questo caso – tanto da averlo sospeso e posto agli arresti domiciliari.

Nonostante questo, Carletti ha deciso di presentare una querela come segnalazione di post e mail pervenute e molto offensive nei suoi confronti.

La notizia è stata divulgata dalla Gazzetta di Reggio, che trova conferma anche nell’ambito giudiziario. Gli avvocati difensori sono Tarquini e Manes – in attesa della pronuncia da parte del Tribunale della Libertà.

Gli stessi hanno fatto domanda per ricorso ai domiciliari e quello della Procura per la richiesta di arresto – negato dal Gip.

La querela a Luigi Di Maio

Quello che spunta come nomi tra i denunciati e Luigi Di Maio. Le tante lettere e post dal contenuto offensivo – per un totale di 147 – sono ora documentazione allegata alla querela e tra questi spunta anche il nome del Ministro.

Lo stesso ha scritto sul suo profilo Facebook a luglio:

“col pd e con il sindaco coinvolto in questo, non voglio avere niente a che fare”

Evidenziando:

col partito che fa parte dello scandalo di bibbiano, con i bambini tolti ai genitori e il sindaco coinvolto. Non voglio avere nulla a che fare mai e poi mai”