Home Spettacolo Adrian, la decisione Mediaset di sospendere il programma: “Interrompiamo tutto”

Adrian, la decisione Mediaset di sospendere il programma: “Interrompiamo tutto”

CONDIVIDI

Adrian la serie evento di Adriano Celentano è stata sospesa da Mediaset, come da decisione presa in queste ore

Adrian, la decisione Mediaset di sospendere il programma: "Interrompiamo tutto"

Una decisione che forse non ha colto di sorpresa i telespettatori, anche se la motivazione è differente da quanto pensato.

La decisione di Mediaset

Mediaset ha annunciato che la serie evento di Adriano Celentano “Adrian”, verrà sospesa per le prossime due settimane. La motivazione ufficiale è per un malessere legato al cantante – nulla di grave – che lo costringe ad assentarsi da Aspettando Adrian.

Per questo motivo i vertici hanno deciso di interrompere la programmazione, sino a quando Celentano non starà nuovamente bene e potrà essere presente direttamente a Teatro. Un malessere non serio e non grave, che però costringe il molleggiato a due settimane di riposo assoluto e niente stress.

Il flop e le critiche

Alcuni utenti, appresa la notizia di poche ore fa non hanno creduto al malessere ma ad una manovra di marketing, legata al flop e alle tante critiche del programma televisivo.

Non solo, vista la querela presentata e l’interessamento del Codacons per rispondere delle lamentele contro l’aumento del volume durante la pubblicità – sembrerebbe che Celentano preferisca far calmare le acque prima di ripresentarsi.

Insomma, questa serie evento ha fatto parlare di se non per la maestrie dei disegni di Milo Manara o per le musiche ma per i temi trattati che non sono piaciuti alla maggior parte del pubblico e anche dei volti noti, come Costanzo. Un evento che non ha portato i frutti che Celentano ha sperato in tutti questi anni di progettazione, lasciandolo con l’amaro in bocca come se non venisse più capito dai suoi fan.

Non ci resta che attendere se Mediaset lo rimetterà in programmazione tra due settimane o farà sfumare la cosa, nel silenzio.