Home News Adolescente muore travolto dal treno: voleva condividere il video su TikTok

Adolescente muore travolto dal treno: voleva condividere il video su TikTok

CONDIVIDI

A poche ore dalla tragedia della piccola Antonella, si registra un altro dramma. Vittima un ragazzo di 17 anni.

adolescente travolto treno

L’adolescente è morto durante il trasferimento in ospedale.

Nuova tragedia sui social

A poche ore dalla tragedia della piccola Antonella Sicomero, morta dopo una sfida su TikTok, un nuovo dramma scuote il mondo e riaccende i riflettori sull’uso – più spesso abuso – dei social da parte dei giovani.

In Pakistan un ragazzo di 17 anni è morto travolto da un treno. Secondo le autorità locali, sembra che il giovane volesse postare il video della sfida su TikTok.

Come riferisce anche Leggo, l’incidente è avvenuto a Rawalpindi, dove la giovane vittima, Hamza Naveed, è stata investita dal convoglio in arrivo mentre un amico lo riprendeva con il suo smartphone.

L’amico ha allertato immediatamente i soccorsi, ma per il ragazzo non c’è stato nulla da fare. Il 17enne è morto durante il trasferimento in ospedale.

Il Pakistan è stato spesso teatro di tragedie simili: il mese scorso una ragazza di appena 18 anni era morta sempre per sostenere una sfida social. Lo scorso anno un ragazzo di 20 anni è morto anche lui come il 17enne, investito da un treno.

La morte della piccola Antonella

La tragedia del ragazzo pakistano arriva a poche ore da quella che ha scosso la città di Palermo e l’intero nostro Paese.

Antonella Sicomero, 10 anni, è morta cercando di vincere una sfida sui social, la Black Out Challenge, durante la quale bisogna stringersi una cintura intorno al collo: vince chi resiste di più.

Antonella ha provato a resistere, poi è crollata a terra. I suoi genitori l’hanno soccorsa e trasferita in ospedale.

La piccola è morta dopo un giorno di agonia. I suoi organi sono stati donati: salveranno la vita di tre bambini, in attesa di un trapianto.

Intanto, il Garante ha stabilito la chiusura del social per gli utenti di cui non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica.