Home Salute & Benessere Addormentarsi in volo: ecco perché ti viene sonno in aereo

Addormentarsi in volo: ecco perché ti viene sonno in aereo

CONDIVIDI

Tra la prenotazione di biglietti, l’imballaggio, il viaggio in aeroporto, il superamento della sicurezza e l’imbarco, il viaggio aereo è estenuante. Non sorprende che così tante persone inizi a sonnecchiare nel momento in cui l’aereo decolla e dorme per tutta la durata del volo. Tuttavia, non è solo l’esaurimento indotto dai viaggi aerei che rende le persone desiderose di dormire. Scopriamo perché ti viene sonno in volo.

Perché ci si addormenta in volo

Perché ti addormenti in volo?

Molti aerei, in particolare quelli costruiti da Boeing, sono progettati per farti sentire riposato, per farti addormentare e magari anche aiutarti con il jet lag.

Anche il design degli interni può avere un enorme impatto sul nostro stato mentale, che è molto importante quando si viaggia e indurci il sonno.

Ad esempio, i colori grigio chiaro, blu e verde sono strettamente associati ai sentimenti di pace. Se i progettisti vogliono che i passeggeri si sentano riposati, possono optare per aerei con una tavolozza di colori blu-grigio.

Non è solo il colore, ma anche la sfumatura. Secondo Boeing, i designer specializzati nella psicologia del colore affermano che i colori più chiari possono far sembrare qualcosa di più alto, più grande, più ampio e più aperto, mentre i colori più scuri danno la sensazione di spazi più bassi, più piccoli, più stretti e più chiusi.

Questa è la ragione per cui gli interni dell’aereo tendono ad essere di colore chiaro per dare il senso di aria e spazio.

L’importanza dei colori nel design dell’aereo

I colori possono anche influenzare la percezione di umidità, temperatura e profumo di una persona“, ha detto a Boeing Virginia Tripp, designer presso l’agenzia Teague, che studia psicologia del colore.

L’arancione, per esempio, può far sentire una persona al caldo e asciutta, che gli aerei tendono già a far sentire, mentre le sfumature di blu e verde possono far sentire le persone più fresche, idratate e pulite.

Gli esperti di interni in aereo hanno anche scoperto che le forme curve creano un ambiente più confortevole per i passeggeri, rendendo le cabine più spaziose.

La squadra di Boeing ora evita l’uso di linee dure e superfici piane, optando per linee curve più “amichevoli” e “più sicure” per i soffitti della cabina, i contenitori per i bagagli, le pareti della cabina.

Anche le luci sono importanti

L’illuminazione della cabina può avere un impatto anche sul comfort generale dei passeggeri. Quando i progettisti stavano lavorando sul Boeing 777, hanno escogitato un modo per rendere l’illuminazione più morbida e la cabina sembra molto più grande. “Il risultato era un’atmosfera meno angusta e più rilassante“, secondo il blog.

Anche gli aeroplani usano la luce per aiutare i passeggeri ad adeguarsi ai nuovi fusi orari. Se hai preso un volo intercontinentale e ti sei addormentato, solo per essere svegliato quando il personale di bordo accende le luci, lo fanno per un motivo: luci brillanti aiuteranno il tuo corpo ad adattarsi al nuovo orario.

In futuro, gli aeroplani potrebbero aiutare i passeggeri ad adattarsi ancora di più, nella speranza che un giorno possa eliminare il jet lag. “Stiamo sperimentando luci colorate che cambino sottilmente il tono in base all’ora del giorno“, ha detto Rick Fraker, designer di Teague, al blog di Boeing. “L‘idea è che i colori si abbinino ai ritmi circadiani di un passeggero e aiutino a prevenire il jet lag“.

La prossima volta che sei su un aereo, se vedi un interno leggermente curvo, pareti e tappeti grigio-blu e luci soffuse, sai già perché e, soprattutto, conosci il motivo per il quale, presto, ti abbioccherai sul poggiatesta del tuo sedile.