Home News Malate in terapia intensiva, lo straziante addio della figlia alla madre mano...

Malate in terapia intensiva, lo straziante addio della figlia alla madre mano nella mano: “Morta il giorno dopo”

CONDIVIDI

Una donna ha descritto l’orribile esperienza di vedere sua madre per l’ultima volta quando erano ricoverate insieme in un reparto di terapia intensiva per Covid.

Anabel Sharma, 49 anni, ha parlato dell’esperienza che ha avuto con il COVID e di come quest’ultimo si sia insediato rapidamente in tutta la sua famiglia.

Tutto è partito quando suo figlio di 12 anni ha sviluppato i primi sintomi dopo il suo ritorno a scuola a settembre.

Subito dopo, sua madre, Maria Rico, 79 anni, si è ammalata gravemente a causa del virus, seguita dalla figlia Anabel.

Mia madre ha iniziato ad ammalarsi, sono stata la sua badante principale per circa due settimane, ma è arrivata al punto in cui stavo davvero lottando per respirare da sola“, ha detto.

E le due si sono dette addio proprio in ospedale…

Anabel Sharma e la madre ricoverate per COVID-19
Anabel Sharma e la madre ricoverate per COVID-19

Mamma e figlia unite dallo stesso destino: il COVID-19 le separa

La donna racconta i risvolti del COVID: “Collassavo abbastanza spesso a causa della mancanza di ossigeno. Fu allora che ci fu consigliato di chiamare un’ambulanza”.

Le due furono entrambe portate in terapia intensiva alla Leicester Royal Infirmary, ma la situazione della signora Rico peggiorò e lei firmò un accordo che negava la rianimazione.

Mi è stato detto che i medici avevano parlato con mia madre e le avevano detto che era molto malata”, ha spiegato la signora Sharma.

Anche se l’avessero messa in coma indotto per ventilarla, le sue possibilità di sopravvivenza sarebbero state inferiori al 20%”

“Non avrebbero potuto garantire quale sarebbe stata la sua qualità di vita in seguito“, ha riferito la figlia.

Appena 24 ore prima della morte della sig.ra Rico, le due sono state riunite nel reparto di terapia intensiva e una foto è stata scattata da uno del personale dell’ospedale.

Un’emozionata sig.ra Sharma ha detto a LBC: bay per dirmi che probabilmente le restavano solo circa 24 ore o giù di lì da vivere.

Ho chiesto loro di fare una foto perché quella era l’ultima che avrei avuto con lei”. Le due si sono tenute per mano, sino alla fine.

Il trattamento per curare il Coronavirus: l’esperienza di Sharma

Il trattamento per il Covid è davvero, davvero orribile e ho davvero lottato“.

Sembra come se mettessi la testa fuori dal finestrino di una macchina quando va a 30 miglia all’ora”

“È forzare l’ossigeno nei polmoni, quindi è davvero difficile imparare a respirare”, ha riferito la donna.

È claustrofobico e devi tenerlo acceso tutto il tempo” e aggiunge:

“Sono stata abbastanza sedata per la maggior parte del tempo a causa del fatto che stavo davvero lottando per tollerarlo“, riferendosi alla terapia intensiva.

Cosa fa oggi Sharma?

La signora Sharma è ancora sotto ossigeno oggi, dopo aver trascorso cinque settimane in ospedale.

Ha detto che sperava che le persone sarebbero state “ragionevoli” e che si sarebbero messe “al sicuro” sui rischi del virus.

Non tutti la pensano come lei, visto che ci sono tante disattenzione sul distanziamento sociale e sull’uso della mascherina.

Nonostante l’esperienza orribile e la perdita della madre, la donna, molto provata, ha detto quanto segue:

Non sono qui per giudicare nessuno“, riferendosi a coloro che infrangono le regole del Covid, ma che “non sopporterebbe che succedesse a qualcun altro“.

Ho 49 anni. Ho bisogno di ossigeno tutto il tempo. Mi manca il fiato solo rifacendo il letto“, ha spiegato la donna, madre di tre figli.

Prima di Covid ero una appassionata di kick boxer e mi allenavo per circa sei o sette ore a settimana. Ero in forma e attiva

Al momento non sanno quali saranno gli effetti a lungo termine. Ora ho un danno polmonare permanente”.

E conclude: “Non è noto se assumerò ossigeno a lungo termine e anche la mia aspettativa di vita è sconosciuta in questa fase“.