Home Politica Accordo sul post Brexit improbabile per fine luglio, forse a settembre?

Accordo sul post Brexit improbabile per fine luglio, forse a settembre?

CONDIVIDI

Accordo sul post Brexit: quando verrà raggiunto?

post brexit

L’accordo sul post Brexit auspicato dal governo di Boris Johnson non si potrà raggiungere entro la fine di luglio.

A indicarlo è il capo negoziatore britannico, David Frost, secondo il quale c’è ancora

“la possibilità di un’intesa” con l’Ue “per settembre”.

Il capo negoziatore della Brexit del Regno Unito, David Frost, ha espresso dubbi su qualsiasi accordo raggiunto prima della scadenza del 31 dicembre in una nuova scioccante dichiarazione.

Nella dichiarazione, Frost ha affermato che il Regno Unito e l’UE non hanno ancora raggiunto un accordo nonostante l’intensificazione dei colloqui che si svolgono a luglio.

Ha aggiunto

“permangono notevoli lacune nelle aree più difficili”

a seguito di recenti colloqui a Londra.

Il principale negoziatore dell’UE Michel Barnier ha dichiarato che la Gran Bretagna non sta dimostrando

“il giusto livello di impegno”

nei colloqui sulla Brexit e ha sottolineato l’improbabilità di un accordo commerciale concluso alla fine del periodo di transizione.

Frost ha ribadito questa lotta per raggiungere un accordo su questi difficili argomenti, ma ha affermato che la Gran Bretagna potrebbe ancora raggiungere un accordo con l’UE a settembre.

Ha riferito:

“Abbiamo appena concluso il nostro ultimo round di negoziati con l’UE.

Queste sono state le prime discussioni commerciali formali che si sono svolte a Londra durante questi colloqui e facevano parte del processo intensificato concordato per luglio.

Sfortunatamente è chiaro che non raggiungeremo a luglio la” comprensione precoce dei principi alla base di qualsiasi accordo “che è stato fissato come obiettivo della riunione di alto livello del 15 giugno”.

Brexit: cosa significherebbe davvero porre fine al periodo di transizione senza alcun accordo?

Il Regno Unito ha ufficialmente lasciato l’Unione europea il 31 gennaio e ora il paese è in un periodo di transizione fino alla fine dell’anno.

Ciò significa che il Regno Unito fa ancora parte del mercato unico dell’UE e attualmente l’unione doganale, e quindi tutte le norme e i regolamenti, nonché i pagamenti di bilancio, rimangono gli stessi.

Il Regno Unito ha deciso di non prendere la possibilità di prorogare il periodo di transizione da uno a due anni per consentire ai negoziati di proseguire su un futuro accordo di libero scambio.

Se i negoziati non porteranno a un accordo concordato entro la fine dell’anno, avrebbe luogo una nuova versione del No Deal.

Ciò significherebbe che il commercio con l’UE ricadrebbe automaticamente sulle regole di base dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC).