Home News Accordo di Pace Israele-Emirati-Barhein: firma alla Casa Bianca

Accordo di Pace Israele-Emirati-Barhein: firma alla Casa Bianca

CONDIVIDI

Giornata storica quella di oggi: siglata la pace in Medio Oriente. Trump sigilla l’accordo con la firma da parte dei leader di Israele, Emirati e Bahrein.

pace emirati arabi trump israele

I dettagli dell’intesa restano per ora ancora segreti.

Siglata la pace in Medio Oriente

Giornata storica per la pace in Medio Oriente. Il presidente americano, Donald Trump, ha co-firmato gli “Accordi di Abramo” per la normalizzazione dei rapporti tra Israele, da una parte, ed Emirati Arabi Uniti e Bahrein dall’altra.

Come riferisce anche Tgcom24, l’accordo di pace, sottoscritto in 3 lingue, inglese, arabo ed ebraico, è stato firmato alla Casa Bianca.

“Storico giorno per la pace in un nuovo Medio Oriente”,

ha commento il presidente Trump.

Alla notizia dell’accordo di pace, sirene di allarme anti-missili hanno risuonato nelle zone israeliane a nord della Striscia di Gaza.

A rappresentare Israele c’era il premier, Benjamin Netanyahu, per gli Emirati e Bahrein hanno firmato i ministri degli Esteri, rispettivamente Abdullah bin Zayed Al Nahyan e Khalid bin Ahmed bin Mohammed Al Khalifa.

Accordi segreti

Il tycoon, intanto, ha annunciato anche nuovi “trattati di pace” nei mesi che verranno con cinque-sei Paesi del Medio Oriente. Il tycoon ha rivelato che i 3 Stati firmatari apriranno ambasciate nei rispettivi territori e aumenteranno la cooperazione.

Il presidente Trump non ha voluto però rivelare i nomi dei Paesi in questione. Il premier Netanyahu ha dichiarato che il presidente americano ha “a cuore il popolo di Israele”.

I dettagli dell’intesa restano per ora quasi ancora segreti, perché l’accordo diventi vincolante e legale. Si attende ora l’approvazione del parlamento israeliano.

Dalle prime informazioni, l’accordo prevederebbe il via libera per gli Stati Uniti alla vendita dei jet militari F-35 agli Emirati Arabi. Gli accordi sono un ottimo risultato per il presidente americano, in vista delle prossime elezioni, mentre gli Emirati possono dirsi contenti per dato uno stop ai piani israeliani di annessione della Cisgiordania