Home News “Accadrà anche a mio figlio vero?”: Elena Santarelli parla dal reparto di...

“Accadrà anche a mio figlio vero?”: Elena Santarelli parla dal reparto di Pediatria

CONDIVIDI

Grande forza per Elena Santarelli. Una donna che non si è mai tirata indietro.

Sta lottando da tanti mesi e non ha nessuna intenzione di mollare. Ora ci spera davvero in una guarigione imminente.

La moglie di Bernardo Corradi, ha raccontato su Instagram la storia del piccolo Regis, un bambino che in questi giorni ha ohiuso  la chemioterapia e che è ricoverato nello stesso ospedale del figlio Giacomo. Elena rende pubblico un pensiero spontaneo, che deve averla presa non appena ha visto che quel bambino era guarito.

 

Il 30 novembre 2017 ci hanno dato la diagnosi, all’inizio eravamo increduli – ha raccontato tempo fa Elena, legata all’ex calciatore Bernardo Corradi e mamma di Giacomo, detto Jack, e Greta – È la prova più difficile della mia vita. Non mi sono mai chiesta perché questa cosa sia successa proprio a me, l’ho accettata e ho fatto entrare il dolore dentro una parte di me. Sto soffrendo ma mi rimbocco le maniche, faccio quello che devo fare e vado avanti. Siamo una famiglia normale con un problema da risolvere
Elena ha spiegato che è stato proprio Regis, alcuni mesi fa, a regalarle la forza di andare avanti di fronte a quella diagnosi “che nessun genitore vorrebbe mai sentire” arrivata lo scorso novembre: “Se lui a 18 mesi fa le chemio e combatte può farlo anche Jack… se sua mamma ride forse riderò anche io appena metabolizzerò!”, aveva detto a se stessa. Ed è stato così.
Finalmente oggi Regis ha finito la sua ultima chemio e per noi genitori guerrieri questa è la notizia che attendiamo con ansia, sono felice per lui che non dovrà più ricoverarsi per la chemio, felice per i suoi genitori… arriverà anche per me questo giorno prima o poi, ne sono sicura. Devo solo avere tanta pazienza. Tutto questo è stato possibile grazie all’ospedale Bambino Gesù e al reparto di neuroncologia pediatrica e all’amore di sua mamma e di papà Roberto. Tutto il meglio per te, Regis