Home News Sei in una di queste 8 situazioni economiche? Chiedi i soldi all’INPS

Sei in una di queste 8 situazioni economiche? Chiedi i soldi all’INPS

CONDIVIDI

Scopri quali sono le 8 situazioni di difficoltà economica accertate che ti danno diritto di avere soldi dall’INPS come sostegno al reddito.

Inps -fonte: inps.it

L’INPS, Istituto Nazionale della Previdenza Sociale , è un ente che ha il dovere di erogare un sostegno economico al reddito alle persone che ne hanno bisogno.

Ci sono specifiche situazioni oltre a requisiti da rispettare per poter chiedere, e ricevere, i soldi dall’INPS se siete in una situazione di difficoltà economica.

Scopri quali sono le 8 situazioni che ti danno diritto di chiedere soldi all’INPS.

Difficoltà Economica: 8 situazioni per chiedere soldi a INPS

Evidenziamo qua 8 diverse prestazioni che vengono erogate dall’INPS come sostegno al reddito.

Quattro tipologie di Assegni a sostegno economico

Ci sono 4 tipologie di assegni che potete richiedere all’INPS se siete in una situazione di grave disagio economico:

  • Assegno Sociale. È un assegno che possono richiedere tutti coloro che per diversi motivi si trovano a vivere in condizioni economiche disagiate e con un reddito inferiore alla soglia prevista dalla legge. Fu introdotto nel 1996 a sostituzione della pensione sociale e ne hanno diritto i cittadini italiani ma anche gli extracomunitari che sono in possesso del permesso di soggiorno. Anche gli stranieri comunitari possono riceverlo ma solo se sono iscritti all’anagrafe del loro comune residenziale.
  • Assegno temporaneo integrativo per iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale. È un assegno destinato a coloro che sono iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale ma non arrivano alla soglia annuale reddituale oppure non hanno un reddito. Se sei iscritto e hai un reddito familiare annuo minore di 10.230 euro puoi richiedere quest’assegno temporaneo integrativo all’INPS. Se sei un familiare superstite di un iscritto puoi richiedere quest’assegno solo se il tuo reddito annuale è inferiore a 8530.
  • Assegno emergenziale per lavoratori licenziati da aziende iscritti a fondi di solidarietà. I lavoratori dipendenti che sono stati sospesi oppure licenziati dal loro posto di lavoro possono richiedere quest’assegno solo se l’azienda per cui lavoravano appartiene ad un settore non regolato da leggi di integrazione salariale. È un assegno valido come integrazione oltre al sostegno principale fornito proprio dal fondo di solidarietà stesso ai lavoratori licenziati.
  • Assegno di Solidarietà. L’INPS lo eroga ai familiari superstiti dei soggetti che facevano parte della Gestione Assistenza Magistrale caduti durante il servizio se si trovano in una situazione di disagio economico.

Altri 4 sostegni economici che eroga l’INPS

Oltre ai suddetti assegni l’INPS eroga altri 4 sostegni economici a coloro che non raggiungono la soglia di reddito annuale e rispettano determinati requisiti:

  • FIS, Fondo Di Integrazione Salariale. Il FIS dà un sostegno ai lavoratori che hanno la propria attività sospesa o ridotta per specifici motivi in modo da non essere obbligati a licenziare il personale.
  • REI, Reddito di Inclusione. È un reddito che l’INPS eroga alle famiglie che riversano in condizioni economiche disagiate in cui sono presenti minorenni, donne gravide oppure disoccupati di età superiore a 55 anni. L’INPS eroga questo reddito per combattere la povertà e mensilmente, grazie ad un’apposita carta REI (di tipo elettronico per i pagamenti), accredita l’importo.
  • Carta acquisti ordinaria. È una carta elettronica che si utilizza per effettuare pagamenti. L’INPS la destina ai cittadini con situazioni reddituali sotto la soglia prevista dalla legge. Sulla carta vengono versati dall’INPS ogni 2 mesi 80 euro.
  • Pensione Sociale. Si categorizzava come una prestazione economica di tipo assistenziale per la quale non è necessario esibire alcun requisito di tipo assicurativo oppure contributivo. Veniva riconosciuta a tutti i cittadini italiani e membri dell’UE in possesso di requisiti reddituali, residenziali e anagrafici. L’INPS ha sostituito nel 1996 la pensione sociale con l’assegno sociale.

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”