Vespa orientalis: invasione a Roma, paura per l’inizio della scuola

Allarme vespa orientalis a Roma, il pericoloso insetto sta invadendo la Capitale e gli esperti raccomandano cautela e pronto intervento in causa di puntura.

Vespa orientalis
Vespa orientalis – LettoQuotidiano.it

Queste veste si annidano specialmente fra gli intercapedini dei palazzi e sebbene i primi esemplari siano stati avvistati a luglio, nelle ultime settimane le segnalazioni si sono moltiplicate.

Vespa orientalis a Roma

Questi insetti sono molto più grandi delle normali vespe e prediligono gli intercapedini dei palazzi per fare indisturbati il loro nido e moltiplicarsi senza problemi.

La vespa orientalis è una tipologia di insetto che si trova soprattutto nel Sud Italia però negli ultimi mesi si sta moltiplicando esponenzialmente e ormai ha raggiunto anche altre zone, con un’alta concentrazione appunto a Roma.

Diverse le segnalazioni avvenute in questo periodo, era dagli anni Cinquanta che questa specie non veniva segnalata nella Capitale.

A preoccupare è la coincidenza di questo fatto con la riapertura delle scuole e quindi i genitori temono per i loro bambini quando questi, nell’ora di ricreazione, giocano nei giardini e nei cortili degli istituti, esposti maggiormente alla puntura.

Lo zoofilo Andrea Lunerti, in merito alla situazione a Roma, riferisce di una situazione davvero ingestibile e c’è molta paura per il modus operandi di questi animali.

Puntura di insetto
Puntura di insetto – LettoQuotidiano.it

Infatti, queste vespe giganti si nascondono fra i palazzi, soprattutto se sono vecchie costruzioni.

L’etologo e zoofilo, sottolinea l’importanza di controllare ogni istituto prima della riapertura a settembre, a partire appunto quelli storici e quelli in cui le finestre affacciano direttamente sui secchi dell’immondizia.

Nell’arco di pochi mesi la situazione potrebbe anche peggiorare, infatti il caldo ha creato una situazione favorevole per le vespe orientalis, le quali alleveranno le regine fino a metà ottobre e sono proprio queste che daranno vita ai nidi dell’anno prossimo.

L’insieme di queste condizioni quindi, porterà a una situazione peggiore nella prossima estate e se non si interverrà subito, Roma sarà invasa da questi insetti.

Le segnalazioni

I primi avvistamenti di questa specie risalgono a luglio ma le segnalazioni sono aumentate, specialmente nel centro storico di Roma, in quartieri come Monteverde.

La diffusione, dicono gli esperti, è dovuta al grande caldo estivo che stiamo vivendo in questo periodo, clima molto amato dagli insetti, in particolar modo da questa vespa.

Riguardo alle sue generalità, possiamo anche dire che ama banchettare fra i rifiuti in putrefazione, per questo molti avvistamenti sono stati fatti in aree adibite a pic-nic.

Non disprezzano le facciate dei condomini, infatti passano in rassegna i diversi balconi rubando anche il cibo degli animali.

Chiunque venga punto da queste vespe, dovrà chiamare subito il 118, infatti in poco tempo proverà sintomi come: orticaria, vertigini e respiro affannoso.