Serie A, nessuna squadra a punteggio pieno e domani c’è il primo turno infrasettimanale

Pareggiano Juventus, Roma, Napoli e Fiorentina, vincono Milan, Atalanta e Lazio, cade l’Inter (contro i biancocelesti di Maurizio Sarri). I verdetti della terza giornata rimandano a un campionato equilibrato e con nessuna regina (al momento), così come nessuna è a punteggio pieno.

Luis Alberto e Pedro
Luis Alberto e Pedro – lettoquotidiano.it

Intanto domani si torna già in campo con il primo turno infrasettimanale di questa Serie A: ad aprire le danze i campioni d’Italia di Stefano Pioli contro il Sassuolo, al Mapei. Alle 18:45, invece, i nerazzurri di Simone Inzaghi sfidano la Cremonese, ultima in classifica assieme al Monza di Silvio Berlusconi, che sarà ospite degli uomini di José Mourinho all’Olimpico di Roma. Dove e come vedere la quarta giornata di campionato tra Dazn e Sky.

Serie A, quante squadre a guidare la classifica! Juve e Inter, intanto, rincorrono

Con i pareggi tra Fiorentina e Napoli e tra Lecce ed Empoli si è conclusa ieri la terza giornata di Serie A. A impreziosirla è stato soprattutto il bellissimo gol segnato da Luis Alberto, centrocampista della Lazio, contro l’Inter: una rete dalla distanza che ha riportato gli uomini di Maurizio Sarri in vantaggio contro i nerazzurri dell’ex Simone Inzaghi e che ha regalato ai biancocelesti tre punti fondamentali per diventare prima in classifica, e da sola.

Ma quello è successo venerdì e nonostante se ne parli ancora, più per il tracollo dell’Inter, candidata alla vittoria dello scudetto, di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia perché, ora, a sette punti come la Lazio, ci sono anche i partenopei di Luciano Spalletti, il Milan di Stefano Pioli, l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, il Torino di Ivan Juric e la Roma di José Mourinho. In ordine, così, per la differenza reti. Ma vediamo insieme nel dettaglio com’è andato questo turno con tre super match.

I primi a scendere in campo sono stati Udinese e Monza: i friulani dopo essere passati in svantaggio, sono riusciti a portare a casa i tre punti grazie ai gol di Beto e Destiny Udogie. Ora sono undicesimi, a 4 punti, 4 in più della squadra di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani.

Alle 20:45, poi, è stato il turno di Lazio e Inter, una partita bellissima, dicevamo, vinta dai biancocelesti per 3-1, come l’anno scorso tra l’altro. Felipe Anderson ha aperto le marcature, ha pareggiato i conti Lautaro Martinez, poi sono saliti in cattedra (e in campo) gli spagnoli Luis Alberto, appunto, e Pedro.

Sabato alle 18:30 la Cremonese, anche lei fanalino di coda del campionato, è stata battuta in casa dai granata per 2-1. In contemporanea, la Juventus di Massimiliano Allegri non è riuscita a concretizzare il vantaggio dal primo minuto di Dusan Vlahovic facendosi riprendere, nel secondo tempo, dalla rete di Tammy Abraham, arrivata grazie a un assist al bacio dell’ex Paulo Dybala. Lo Special One ha gongolato, mentre i bianconeri, ora, sono ottavi a una lunghezza dagli eterni rivali nerazzurri e due dai (tanti) primi della classe.

Abraham
Tammy Abraham – lettoquotidiano.it

Più tardi, il Milan ha superato facilmente il Bologna di Sinisa Mihajlovic grazie ai gol di Rafael Leao e Olivier Giroud, mentre lo Spezia e il Sassuolo hanno pareggiato per 2-2 una gara che, nella prima frazione, aveva regalato tante emozioni. Da sottolineare la prima rete di Andrea Pinamonti con i neroverdi – quello che ha chiuso la partita.

La Salernitana, domenica, ha schiantato la Sampdoria per 4-0 all’Arechi e si è portata a pari punti con gli uomini di Andrea Sottil (i friulani) facendo sprofondare i blucerchiati al terz’ultimo posto (l’unico punto conquistato è stato quello contro la Juventus della scorsa giornata). All’Atalanta, invece, è bastato Teun Koopmeiners per andarsi a sedere tra le migliori del campionato e vincere contro l’Hellas Verona.

Serie A, domani inizia il quarto turno: dove vedere le partite in tv e diretta streaming

Il tempo di gioire, però, è poco perché domani le squadre torneranno di nuovo in campo per il primo turno infrasettimanale della stagione. Tre match animeranno l’ultimo martedì di agosto: alle 18:30, il Milan sarà ospite del Sassuolo, mentre alle 20:45 l’Inter affronterà, a San Siro, la Cremonese, a caccia dei primi tre punti come il Monza, che invece giocherà all’Olimpico (di Roma) contro la Roma.

Mercoledì sarà il turno prima di Empoli-Verona, Sampdoria-Lazio e Udinese-Fiorentina, poi di Juventus-Spezia e Napoli-Lecce. A concludere la quarta giornata, la sfida ad alta quota tra Atalanta e Torino e quella, a metà classifica, tra Bologna e Salernitana, entrambe alle 20:45 di giovedì. E poi di nuovo, da sabato, si riprende, ma quella è un’altra storia.

Per i fortunati che non potranno essere presenti allo stadio, le partite saranno visibili, come sempre, su Dazn. Samp-Lazio, Juve-Spezia e Bologna-Salernitana saranno disponibili anche su Sky. E ne vedremo delle belle, ne siamo certi.