Cenere del barbecue nelle piante, corri a farlo: i vicini ti supplicheranno per sapere il segreto

Non tutti sanno che la cenere del barbecue può essere utilizzata in diverso modo, può essere di grande aiuto nella coltivazione delle nostre piante. Se ami il mondo della natura, aggiungi la cenere al terreno e in pochissimo tempo vedrai dei risultati sorprendenti. 

Cenere del barbecue nelle piante
Cenere del barbecue nelle piante – Lettoquotidiano.it

Sia d’estate che d’inverno le grigliate con gli amici sono uno dei passatempi più amati. Con il barbeque si produce una certa quantità di cenere. Uno degli sbagli più grandi che potete fare è buttarla, è un grande spreco. Il motivo? E’ semplice,  può essere utilizzata per tantissimi scopi, tipo lucidare, pulire oppure levigare.

Ma non tutti sanno, che i nostri nonni la usavano nella coltivazione. Inoltre, è sempre stato un ingrediente economico, perché è a costo zero, ma è super efficace per la crescita delle nostre piante o ortaggi. Siamo sicuri che dopo questo articolo non la butterete più: scopriamo a cosa serve.

Gli utilizzi della cenere del barbecue 

Perché non dobbiamo assolutamente buttare la cenere del barbecue? E’ utilissima per lucidare i vetri, l’argenteria, le pentole o altri tegami. Basta creare una miscela viscosa mischiandola con un po’ d’acqua e potrete rimuovere lo sporco ostinato in poche mosse. Ma prima di fare questo procedimento, filtratela con un setaccio altrimenti potrebbe rovinare le stoviglie. 

I nonni la utilizzavano per realizzare delle saponette per il corpo e anche per sbiancare i panni, senza l’utilizzo di prodotti chimici. Infine, alcuni usano la cenere nel periodo invernale per sciogliere la neve o il ghiaccio. Ma è soprattutto utilizzata per scopi agricoli: scopriamo di più.

Cenere del barbecue
Cenere del barbecue – Lettoquotidiano.it

Cenere del barbecue nelle piante: i benefici 

Non tutti sanno che la cenere del barbecue è soprattutto un ottimo concime per le piante perché è composta da diverse sostanze come il potassio, il fosforo, il ferro, lo zinco, il calcio e il manganese. Sono componenti che favoriscono la fioritura, la produzione dei frutti, lo sviluppo di radici e germogli. 

Vi ricordiamo che la cenere è un fertilizzante incompleto perché non contiene azoto che è uno dei principali nutrienti per le piante, proprio per questo, la parte mancante va compensata con quaranta grammi di solfato ammonico per ogni metro quadro.

Cenere del barbecue nelle piante
Cenere del barbecue nelle piante – Lettoquotidiano.it

Invece, la quantità corretta di cenere del barbecue da spargere nel terreno, almeno una volta all’anno, potrebbe essere di 100 grammi per ogni metro quadro. Se la mettiamo nelle vicinanze delle nostre piante, tiene lontano le lumache. Ovviamente, non bisogna confondere la cenere del barbecue con quella del legname.

Sono molto diverse perché la seconda potrebbe rovinare il terreno ma anche le piante. Il legno bruciato rilascia delle sostanze chimiche molto dannose che potrebbero essere assorbite nel terreno, come solventi, colla e vernici.