Dazn, ancora problemi per vedere le partite. E la piattaforma si scusa

Dazn, piattaforma online di streaming che trasmette in esclusiva tutte le partite di Serie A, e lo farà fino al 2024, anche nella prima giornata del nuovo massimo campionato ha dato dei problemi agli utenti, specialmente domenica sera. Dopo che l’Autorità per le Garanzie nella Comunicazione ha chiesto a Dazn chiarimenti e indennizzi, la piattaforma ha risposto che è “è consapevole di quanto sia importante il proprio servizio per gli appassionati di sport, prendiamo questa responsabilità seriamente e ci scusiamo profondamente”

Dazn
La piattaforma online di streaming di calcio che ha vinto la gara dei diritti televisivi per il triennio 2021-24 della Serie A, Dazn – lettoquotidiano.it

Sull’argomento era intervenuta anche la sottosegretaria con delega allo Sport (ora candidata con Forza Italia), Valentina Vezzali, dicendo che il disagio creato è stato “grave e inaccettabile“.

Problemi con Dazn, la piattaforma si scusa con gli utenti per la non visione delle partite

Guardare le partite di Serie A è ancora difficile. Non per colpa dei bandieroni che sventolano nelle curve o di persone che si mettono tra il campo e gli occhi di chi è allo stadio, ma per via (ancora una volta) di Dazn, che questa stagione, già alla prima giornata, ha dato problemi agli utenti nella trasmissione dei match, specialmente domenica sera.

La piattaforma online di streaming, che solo un anno fa ha vinto la gara dei diritti televisivi battendo la concorrenza di Sky per il triennio 2021-2024, è ricaduta nel suo errore, causando disagi ai molti appassionati che già prima dell’inizio del campionato si erano lamentati per l’aumento del costo dell’abbonamento, arrivato a quasi 40 euro (per chi vuole usufruire di due dispositivi, solo, si fa per dire, 30 per chi ha bisogno di guardare le partite su un solo device).

Dazn
Schermata iniziale di Dazn – lettoquotidiano.it

Un problema che non è passato inosservato neanche per l’Autorità per le Garanzie nella Comunicazione, ovvero l’Agcom, che ha chiesto che “a seguito dei gravi disservizi registrati durante le trasmissioni delle partite di calcio nella prima giornata del campionato di Serie A e delle numerose segnalazioni pervenute – hanno scritto nel comunicato -, ha chiesto con urgenza chiarimenti a Dazn su quanto accaduto e su come la società stia operando per evitare il ripetersi di disservizi in occasione della prossima giornata“.

Non solo, dall’Autorità hanno anche domandato di “provvedere celermente a erogare gli indennizzi previsti dall’ultima delibera adottata“, e ha concluso dicendo che “si riserva a seguito degli approfondimenti e delle proprie valutazioni di adottare ogni iniziativa che si renderà necessaria“.

A stretto giro di posta, è arrivata anche la replica della piattaforma, che ha sottolineato che “Dazn è consapevole di quanto sia importante il proprio servizio per gli appassionati di sport, prendiamo questa responsabilità seriamente e ci scusiamo profondamente con tutti gli utenti che non sono riusciti ad accedere al proprio account durante il weekend. Si è verificato un evento di natura eccezionale che ha impattato alcuni utenti in diversi mercati in cui Dazn è presente. Come soluzione temporanea, abbiamo predisposto un’alternativa per seguire le partite tramite un link che abbiamo trasmesso ai clienti.”

In Italia, hanno concluso, nel rispetto delle regole esistenti, “provvederemo ad erogare un indennizzo a ciascun cliente interessato, che verrà corrisposto secondo modalità rese note nei prossimi giorni. È nostra responsabilità far sì che tutto funzioni. Questo l’impegno che ci prendiamo”.

Dazn non funziona, la sottosegretaria Vezzali: “Disagio grave e inaccettabile”

Anche il mondo della politica, in piena campagna elettorale per le prossime elezioni del 25 settembre, si è mobilitato contro Dazn per i disservizi di cui si è resa protagonista ieri nella visione delle partite di Serie A. A fare la voce più grossa è stata la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo Sport, la nuova candidata di Forza Italia e campionessa olimpica, Valentina Vezzali.

Riscontrato il grave e inaccettabile disagio causato agli utenti per la mancata connessione a Dazn, sto predisponendo con i miei uffici un tavolo urgente che coinvolga la Serie A, il Mise e l’Agcom, in modo da affrontare il prima possibile quanto accaduto“, ha scritto in un tweet l’ex schermitrice.

Intervento che, come abbiamo già detto, è arrivato in maniera tempestiva. Perché il calcio, così come tutto lo sport, è un piacere a cui nessun appassionato vuole rinunciare, specie se è costretto a spendere molti soldi per poter usufruire delle partite, anche se con la comodità di averlo sempre a portata di clic.