Taranto: operaio muore dissanguato a causa di una smerigliatrice

Tragedia a Taranto, dove un 53enne dipendente di una ditta metalmeccanica si è reciso l’arteria femorale con una smerigliatrice.

Smerigliatrice
Smerigliatrice – LettoQuotidiano.it

Si tratta dell’ennesimo incidente sul lavoro e stavolta le conseguenze sono tragiche, l’uomo infatti è deceduto in ambulanza.

Operaio ferito con smerigliatrice Taranto

Purtroppo gli incidenti sul lavoro sono all’ordine del giorno, specialmente negli impieghi che prevedono l’utilizzo di macchinari e attrezzature particolari.

Un perfetto esempio è la terribile morte di un uomo di 53 anni che lavorava in una ditta metalmeccanica a Taranto, che oggi ha perso la vita a causa di una distrazione che gli è stata fatale.

L’uomo si è ferito gravemente ad una gamba mentre stava utilizzando una smerigliatrice, in particolare sembra si sia reciso involontariamente l’arteria femorale e questo ha causato un rapido versamento di sangue.

Immediata la chiamata da parte dei colleghi al 118 ma le ferite erano così importanti che l’uomo non ha fatto in tempo ad arrivare in ospedale, è morto sull’ambulanza letteralmente dissanguato.

Ora le persone che lo conoscevano si stringono al dolore della famiglia che domani, provvederà ai funerali. Non è stata resa nota l’identità dell’uomo, tuttavia era molto conosciuto in zona e i colleghi parlano di lui come un gran lavoratore, amante di ciò che faceva.

Le indagini

Una morte terribile e violenta che ha lasciato i colleghi senza parole, infatti sono ancora scioccati mentre raccontano alle forze dell’ordine i dettagli di quanto accaduto.

Ora gli agenti cercano di ricostruire l’incidente e capire se oltre alla distrazione dell’operaio originario di Sava, ci sono altre responsabilità da accertare.

Smerigliatrice
Smerigliatrice – LettoQuotidiano.it

L’incidente è avvenuto questa mattina in un capannone a Taranto, precisamente in via D’Annunzio, nei pressi della Vestas.

Secondo quanto emerso, sembra che il 53enne stesse utilizzando una smerigliatrice quando a un certo punto il disco dell’utensile gli ha ferito una gamba andando a recidere l’arteria femorale.

Nonostante i soccorsi siano stati immediati e gli operatori sanitari siano intervenuti subito per tamponare l’emorragia, questa era davvero troppo grave e l’uomo è deceduto ancor prima di arrivare in ospedale.

Sul luogo dell’incidente sono giunti i Carabinieri e gli ispettori dello Spesal per capire l’esatta dinamica dell’incidente e stabilire se sono state rispettate le misure di sicurezza.

Sfortunato incidente o negligenza da parte di qualcuno? Questo l’aspetto su cui ora si concentrano gli investigatori anche se per ora, l’ipotesi più accreditata è quella per cui l’uomo avrebbe perso il controllo dell’attrezzo, su cui quindi non aveva una presa abbastanza salda, tuttavia non si esclude nulla e occorre ancora accertare molti dettagli.