Ucciso con un drone Ayman al-Zawahiri, l’erede di Osama Bin Laden

Ayman al-Zawahiri, l’erede di Osama Bin Laden, non c’è più. Sabato sera, durante un blitz guidato dalla CIA, è stato ucciso con un drone.

USA
USA – Lettoquotidiano.it

Ayman al-Zawahiri sabato si trovava sul balcone di un edificio a Kabul, nel quartiere residenziale di Shirpur. L’operazione è stata condotta dalla CIA.

Morto Ayman al-Zawahiri, l’erede di Osama Bin Laden

Sabato sera gli USA hanno messo un punto ad un’altra pagina molto triste della loro storia: Ayman al-Zawahiri non c’è più.

Chi era? L’erede di Bin Laden. “Giustizia è fatta, questo leader terrorista non c’è più”: con queste parole il giorno seguente – cioè domenica – Joe Biden ha annunciato la sua morte.

Sono trascorsi 11 anni da quella di Osama bin Laden ed oggi anche quest’altro capitolo è terminato.

CIA
CIA – Lettoquotidiano.it

Il Presidente USA ha poi aggiunto che la sua unica speranza è che l’11 settembre venga cancellato dalla memoria di tutte le persone che in quell’occasione hanno perso persone care.

Il blitz condotto dalla CIA

In effetti era da inizio anno che l’intelligence americana lo stava cercando. Da quando cioè ha avuto le prime notizie sul suo conto. Il 71enne era arrivato a Kabul con la moglie, la figlia ed i nipoti.

Ad aprile un altro aggiornamento: al-Zawahiri si trovava in una casa nel quartiere residenziale di Shirpur.

Da lì, una serie di altre notizie, che hanno portato poi all’inizio del countdown, partito circa un mese fa e cioè il 1 luglio. E poi le tantissime riunioni alla Casa Bianca – tutte finalizzate ad evitare che vittime innocenti potessero perdere la vita a causa sua – fino all’ultima, il 25 luglio.

Il piano ormai era stato studiato ad hoc e quindi mancava solo l’ordine finale. Così sabato sera, intorno alle 21:48 – orario di Washington – il drone è stato lanciato. 

In quel momento al-Zawahiri era sul terrazzo: verso quell’ora ci andava sempre. Poi il rumore fortissimo e di nuovo il silenzio.

A quel punto un team di 007 ha prelevato il dna per avere la conferma che l’uomo ucciso fosse proprio lui, cosa che in effetti è accaduta.

Nel blitz comunque non ci sono stati vittime tra i civili ed anche la sua famiglia è incolume.

Come ha affermato una fonte dell’amministrazione Biden, il fatto che al-Zawahiri si trovasse proprio a Kabul è una violazione dell’accordo intercorso nel 2020, in cui i talebani avevano assicurato che non sarebbero mai più stati un rifugio per la jihad.

Secondo un portavoce del governo afghano, invece, con questo blitz sarebbero stati gli USA a violare l’accordo.