Margherita: la bimba disabile che potrà salire sulla torre di Pisa in spalla al papà

La piccola Margherita, bambina disabile, salirà fino in cima alla torre di Pisa sulle spalle del papà Junio, che il 7 settembre realizzerà il suo sogno.

Torre di Pisa
Torre di Pisa – LettoQuotidiano.it

La famiglia pisana si appresta il 7 settembre a salire in cima alla Torre Pendente per la felicità della figlia di 8 anni.

Margherita salirà in cima alla Torre di Pisa

Tutta la città di Pisa fa il tifo per la famiglia che abita proprio nella città, il cui capofamiglia è Junio Caselli che il 7 settembre porterà in spalla sua figlia di 8 anni, disabile, in cima al monumento.

È il sogno della piccola Margherita ma anche una grande conquista, infatti come sostiene il padre della bambina, i monumenti dovrebbero essere accessibili a tutti ma laddove non è possibile, con un po’ di impegno è comunque possibile renderli tali.

Questa esperienza è un bellissimo esempio di amore di un padre che aiuta la figlia disabile, caricandola sulle spalle e salendo i 297 gradini per arrivare in cima.

Un obiettivo importante quello prefissato da Junio, lavoratore presso una multinazionale svizzera per la quale si occupa di semplificare la vita ai disabili e alle loro famiglie.

Questo ruolo è stato chiesto proprio da lui e la visita della figlia alla torre è solo il primo passo, infatti vorrebbe introdurre un appuntamento, magari con cadenza mensile, in cui il monumento diventi accessibile a tutti.

Margherita mette le ali

Grazie al papà la piccola pisana di 8 anni sulla sedia a rotelle realizzerà quello che, fino a questo momento, rimaneva solo un sogno.

Margherita Maria raggiungerà la cima del Campanile più famoso d’Italia e suo padre si sta allenando da mesi per prepararsi alla salita.

Ecco quindi che Junio ha deciso di realizzare il sogno della figlia, anche per lanciare un messaggio importante a tante persone nella stessa condizione, ossia ogni cosa è possibile, basta volerla.

“Le barriere, anche quelle più difficili, possono essere superate con un po’ di buona volontà”

queste le parole dei genitori di Margherita quando il 10 aprile, in occasione del suo compleanno festeggiato al Mc Donald’s con le amiche, ha espresso il desiderio di arrivare in cima alla Torre di Pisa.

Disabilità
Disabilità – LettoQuotidiano.it

La famiglia si è attivata subito per esaudirlo, infatti il papà ha comprato un sacco di quello che utilizzano gli atleti per allenarsi, così da prepararsi a caricare Margherita per portarla in cima.

Dopodiché Junio ha interpellato l‘Opera della primaziale che è stata subito disponibile e ha consigliato all’uomo di utilizzare uno zaino da trekking per adagiare comodamente la figlia.

L’uomo è entusiasta di questa esperienza, proprio come sua figlia e ha dichiarato

“anche le barriere più grandi possono essere superate con impegno e costanza, inoltre ho trovato molte persone che mi hanno aiutato. voglio lanciare un messaggio per tutti coloro che hanno fragilità come mia figlia, questo obiettivo è per loro e per tutta la città di pisa. sarà un giorno simbolico per tutti”.

Per questo, saranno presenti anche il sindaco Michele Conti che ha già conosciuto Margherita e l’assessore pisano alla Disabilità, Sandra Munno, nonché i rappresentanti del Cus che la figlia, con disabilità motoria, frequenta.