Simone Scipio, poliziotto romano, muore a Mykonos durante una vacanza

Simone Scipio era un poliziotto romano di 29 anni che si trovava in vacanza a Mykonos, dove è morto in seguito allo scontro fra il suo quad e un minibus.

Simone Scipio
Simone Scipio – Facebook.it

L’incidente risale a giovedì ma solo oggi è stato reso noto, coinvolto anche un collega non in pericolo di vita.

La morte di Simone Scipio

Il poliziotto romano si trovava in vacanza insieme a un suo amico e collega, quando nella serata di giovedì il suo quad si è scontrato con un minibus, uccidendolo sul colpo. L’amico invece ha riportato diverse ferite ed è stato trasportato in ospedale, tuttavia le sue condizioni sono in via di miglioramento e non è in pericolo di vita.

Sul fatto indaga la polizia di Mykonos, che attende le dimissioni del sopravvissuto per ricostruire la dinamica dell’incidente.

Al momento i dettagli al vaglio delle forze dell’ordine indicano che il gruppo si stava godendo le meritate vacanze quando intorno alle 23 di giovedì, Simone e uno dei colleghi hanno deciso di fare un giro in quad e quindi hanno noleggiato il mezzo e si sono messi su strada.

Improvvisamente, per cause ancora in corso di accertamento, è stato colpito violentemente da un minibus, il cui conducente è stato tratto in arresto e interrogato a lungo.

Mentre il collega di Simone ha riportato solo ferite alle gambe, per lui non c’è stato nulla da fare: i soccorritori hanno provato per diverso tempo a rianimarlo ma era già deceduto al loro arrivo, molto probabilmente morto sul colpo.

Le forze dell’ordine hanno poi provveduto a rimuovere la carcassa del quad e metter in sicurezza la zona, ripristinando la normale circolazione.

Chi era Simone Scipio

Simone era un ragazzo solare e con tanta voglia di vivere, giovane appassionato di calcio, tifoso della Roma e molto apprezzato dai suoi colleghi.

Simone Scipio
Simone Scipio – Facebook.it

Una carriera impeccabile, un ragazzo d’oro che i familiari piangono, confortati dai tanti messaggi di affetto ricevuti. Anche il profilo Facebook del ragazzo è tempestato da post di affetto di quanti lo conoscevano.

In questi messaggi si legge di un ragazzo bravo ed educato, leale, sempre sorridente, nonché un ottimo collega.

Simone lavorava presso la Squadra Volanti di Roma, nella Questura della Capitale, precisamente a Porta Pia. Secondo quanto emerso, in vacanza in Grecia non c’erano sono i due ragazzi sul quad ma anche altri colleghi della polizia.

Ora i familiari sono in attesa che la salma di Simone venga rimpatriata e riconsegnata ai genitori per celebrare i funerali.

Fra i tanti messaggi di cordoglio si legge anche l’affetto del sindacato Fsp Polizia.