“Controlla subito”, addio pensione anticipata se ti dimentichi questa scadenza: sbrigati

Ecco chi sono le persone che potranno beneficiare di questa pensione anticipata, ma solo se non dimenticano questa scadenza importante.

Pensione 2022
Addio pensione anticipata – Lettoquotidiano.it

Continuate a leggere per scoprire quali sono le categorie che presto potranno accedere a una pensione anticipata e che otterranno degli importanti benefici nel prossimo anno 2023.

Pensioni, qual è la normativa vigente

La normativa italiana vigente prevede i seguenti benefici in materia di pensioni:

  • Pensione di vecchiaia, ottenibile da chiunque accrediti un minimo di 20 anni di contributi al lavoro e abbia 67 anni di età;
  • la quota cento, per qualsiasi soggetto che accrediti 38 anni di contributi al lavoro e 62 anni di età;
  • e poi la anticipata, con uomini che dimostrano 42 anni e 10 mesi di contributi, donne che dimostrano 41 anni e 10 mesi di contributi e precari che dimostrano 41 anni di contributi indipendentemente dall’età;
  • infine c’è l’opzione donna, ottenibile da tutte quelle donne che al 31 dicembre 2019 hanno 35 anni di contributi al lavoro e hanno 58 anni (lavoro dipendente) o 59 anni (lavoro autonomo).
Pensione anticipata
Pensione anticipata – LettoQuotidiano.it

Ed è proprio quest’ultima l’opzione in base alla quale nel 2023 molte donne otterranno benefici sulla pensione.

Scopriamo tutto quello che l’INPS sta prevedendo. Continuate a leggere l’articolo.

Addio alla pensione anticipata se ti dimentichi la scadenza

Poco più sopra vi abbiamo parlato dell’opzione donna e della pensione anticipata. In realtà, queste due pensioni funzionano esattamente allo stesso modo, semplicemente non è prevista per gli uomini e possiede maggiori benefici, per limitare lo svantaggio di questa categoria.

In particolare, una nota dell’INPS ha comunicato che nel 2023 arriverà finalmente questa agevolazione per tutte quelle donne che sono uscite dal mondo del lavoro a 58 anni.

Le donne in questione dovranno rispecchiare alcuni requisiti fondamentali, che si riveleranno condizione necessaria affinché le donne possano ottenere la pensione tanto aspettata.

Agevolazioni pensione
Agevolazioni pensione – LettoQuotidiano.it

Ma scopriamo insieme, e nel dettaglio, quali sono le donne che otterranno questi benefici.

Si tratta delle donne italiane in possesso di un’età anagrafica di 58 o 59 anni e di un’età contributiva di 35 anni.

Nel dettaglio, si tratta di donne che compiono i 58 anni nel 2022, cioè di quelle lavoratrici dipendenti nate nel 1964 e di quelle lavoratrici autonome nate, invece, nel 1963.

Inoltre, esiste la possibilità che siano il coniuge o i figli minorenni o quelli portatori di handicap, la cui invalidità sia stata accreditata prima della data di morte del beneficiario del beneficio, a ereditare la pensione in questione.

In quest’ultimo caso, ogni familiare deve presentare un atto di morte o certificato (originale e copia) per autorizzare la chiusura del conto ed effettuare una comunicazione all’INPS.

Attenzione perché la scadenza è il 31 dicembre 2022!

Pensione
Pensione – LettoQuotidiano.it

E voi conoscevate questo enorme beneficio che tenta di far valere anche i diritti delle donne lavoratrici, da sempre svantaggiate nel mercato del lavoro? Fateci sapere se rientrate in questa categoria di persone e se ne beneficerete nel corso del prossimo anno.