Volontaria della Protezione Civile muore colpita da un albero

Una volontaria della Protezione Civile di 56 anni in provincia di Udine è morta colpita da un albero mentre stava domando un incendio. La donna circa un anno fa era stata insignita del Cavalierato per il suo impegno costante in seno alla Protezione civile.

Elena Lo Duca
Elena Lo Duca – Lettoquotidiano.it

In provincia di Udine, una donna di 56 anni, Elena Lo Duca, ha perso la vita mentre era stava prestando servizio come volontaria della Protezione Civile. Dopo aver domato il rogo, un albero l’ha colpita ed è morta sul colpo.

Volontaria della Protezione civile muore schiacciata da un albero

Il suo impegno è stato fortissimo, ma le è costato la vita: Elena Lo Duca, 56enne, è morta per fare quello che amava fare, aiutare gli altri.

Incendio
Incendio – Lettoquotidiano.it

Era infatti una volontaria antincendio della Protezione civile e la sua dedizione le aveva permesso di essere insignita del Cavalierato per il suo impegno costante in seno alla Protezione civile.

Questo accadeva nel 2021, circa un anno fa quindi. Oggi però Elena ha perso la vita, proprio durante un sopralluogo.

C’era stato un incendio a Prepotto, in provincia di Udine, ed Elena Lo Duca – in servizio a Cividale del Friuli – stava effettuando un sopralluogo e stava coordinando i volontari nell’opera di spegnimento e della successiva bonifica.

Sembrava che tutti stesse andando per il meglio, tanto che le fiamme erano state ormai domate, ma poi è accaduto l’impensabile.

La donna è stata travolta improvvisamente da un albero e l’impatto è stato talmente forte che per lei non c’è stato nulla da fare, è morta sul colpo.

Sono arrivati immediatamente i Carabinieri sul luogo, per poter stabilire la dinamica dei fatti e ad oggi le indagini sono ancora in corso.

I messaggi di cordoglio

La donna lascia il marito e una figlia e tutta la Polizia di Stato si è detta addolorata per la vicenda.
Come ha affermato il capo della polizia Lamberto Giannini: “Il grande entusiasmo che Elena metteva nel suo lavoro e nel suo operato come coordinatrice del Gruppo comunale di Protezione civile di Prepotto, sarà sempre un esempio per tutti”. 

Anche il questore di Udine, Manuela De Bernardin, ha affermato che tutta la polizia è addolorata per l’accaduto ed ha ricordato che la donna ha speso tutta la sua vita per aiutare gli altri e che si è sempre sacrificata per il bene della comunità.

Allo stesso modo, anche il presidente del Friuli – Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e il vicegovernatore con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, hanno espresso tutta la loro vicinanza alla famiglia della donna.

A questa scia si aggiunge il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che ha espresso il suo cordoglio.

Ed ha aggiunto: “Si tratta di una forte testimonianza dell’altruismo e della generosità di tutti i volontari che, anche a rischio della loro incolumità, operano per garantire la sicurezza delle nostre comunità e dei nostri territori”. Per poi sottolineare quanto dovremmo tutti essere grati all’impegno dei volontari.