Francia, 22enne stermina la famiglia: ucciso dalle forze speciali

Un 22enne francese ha ucciso 5 suoi familiari (di cui 3 bambini) per poi nascondersi in una casa all’interno di un villaggio. Anche il giovane in seguito ha persona la vita per mano della polizia, che aveva fatto irruzione nell’abitazione.

Francia
Francia – Lettoquotidiano.it

Ad oggi non è chiaro cosa abbia spinto il giovane a compiere questo gesto estremo e perché abbia scatenato la sua furia omicida proprio in famiglia e proprio contro quelle persone nello specifico.

22enne francese ha ucciso i familiari

Un 22enne in Francia ha praticamente sterminato la sua famiglia. E questa tragedia segue il triplice omicidio nella città di provincia di Angers di pochi giorni prima.

Francia
Francia – Lettoquotidiano.it

Un rifugiato sudanese aveva accoltellato a morte tre giovani giocatori di rugby dopo una lite in strada.

E ancora, sabato sera, nella citta di Dreux, a ovest di Parigi, un agente di polizia ha sparato un uomo che lo aveva aggredito con una spada.

Insomma sembra non essere questo un ottimo periodo per il Paese, che sta vedendo compiersi crimini uno dopo l’altro.

Ma quello che è successo al 20enne è molto di più di questo: parliamo di una vera e proprio strage, consumatasi tra l’altro tra le “mura domestiche”. Le vittime questa volta sono state proprio persone di famiglia. Ma cos’è accaduto esattamente?

Cos’è accaduto in Francia

Il 22enne si trovava nelle zone rurali della Francia orientale quando ha ucciso 5 suoi familiari.

Queste erano suo padre, sua suocera, sua sorella di 17 anni, e i figli della compagna del padre, rispettivamente di 15 anni e 5 anni.

Cos’è accaduto esattamente negli attimi prima del massacro non possiamo saperlo. Cosa ha scatenato la furia omicida? Perché proprio in famiglia? E, soprattutto, perché ha scelto proprio quelle vittime?

Sono tutte domande a cui si dovrà trovare una risposta, ma per adesso restano solo punti interrogativi.

Quel che è certo è che a trovare il ragazzo sono state le forze speciali della polizia francese. Il 22enne – armato di fucile e katana – dopo aver compiuto il massacro si era nascosto in una casa all’interno del villaggio di Douvres, ai piedi delle Alpi, a circa 50 chilometri a est di Lione. Alla fine a perdere la vita è stato anche lui, per mano dei poliziotti. 

A spiegare l’accaduto e ad identificare le vittime è stato Christian Limousin, sindaco di un villaggio vicino, mentre ad identificare l’autore del massacro è stato un conoscente della famiglia.

Il giovane aveva appunto 22 anni e lavorava per una catena di fast food in un paese vicino. Questo è tutto ciò che sappiamo di lui, almeno per adesso. Ma cosa lo abbia spinto ad agire in questo modo resta ancora un mistero.