Guerra in Ucraina, attacco a Odessa: quattro feriti

Prosegue l’invasione da parte della Russia dell’Ucraina. Anche oggi un attacco nella regione di Odessa ha provocato il ferimento di almeno quattro persone. Previsto, sempre per oggi, un incontro tra il presidente russo, Vladimir Putin, e il numero uno turco, Recep Tayyip Erdoğan, per discutere delle esportazioni di grano e cereali ucraini

Odessa
Odessa – lettoquotidiano.it

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha invece annunciato il licenziamento di 28 funzionari del servizio di sicurezza.

Guerra in Ucraina, nuovo attacco russo nella regione di Odessa

Dal 24 febbraio, giorno in cui la Russia ha attaccato l’Ucraina, sono passati 145 giorni. Quasi cinque mesi in cui, la regione amministrata da Volodymyr Zelensky si è dovuta difendere dagli attacchi delle forze armate russe. Tra gli invasori, hanno perso la vita almeno 38.550 soldati, si legge nel bollettino dei militari ucraini che contano anche le perdite di carri armati, mezzi corazzati, elicotteri e lanciarazzi dell’esercito di Vladimir Putin.

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky – lettoquotidiano.it

Non sono meno, però, i civili dell’Ucraina che sono morti per i vari attacchi da parte del contingente russo – circa un mese fa, si contavano più di 26mila perdite per il paese governato da Zelensky.

Oggi, una nuova offensiva nella regione di Odessa con un attacco missilistico ha causato il ferimento di almeno quattro persone. A farlo sapere è il vice capo dell’amministrazione del distretto ucraino, che continua a contare le vittime di un’invasione scellerata.

Ma la Russia, oggi, nella notte, non si è fermata a colpire solo la zona meridionale dell’Ucraina, vicina al Mar Nero. Secondo quanto riferito da Valentin Reznichenko, capo dell’amministrazione della zona di Dnipropetrovsk, infatti, sono stati lanciati 40 razzi contro Nikopol, distruggendo due fabbriche e provocando incendi. Nell’attacco, sono state danneggiate anche delle case e delle linee elettriche. Fortunatamente, però, non ci sono feriti.

Il presidente ucraino non ha commentato i due attacchi, ma ha dimostrato fiducia nell’operato dei suoi uomini, oltre ad avere ringraziato le forze occidentali che hanno fornito armi all’Ucraina nel corso del conflitto. Zelensky, nel consueto discorso nel corso della notte, ha detto che, a fare la differenza, sono stati soprattutto i sistemi missilistici avanzati americani Himars.

Guerra Ucraina, oggi incontro tra Putin ed Erdogan

Intanto è già arrivato a Teheran Putin per parlare con Erdogan. A margine di un trilaterale con il presidente dell’Iran, Ebrahim Rasi, l’oligarca russo e il capo di stato della Turchia discuteranno delle esportazioni di grano ucraino. Secondo quanto riferito da fonti di Ankara, si starebbe arrivando a una soluzione per quanto riguarda il blocco dell’export.