Animali nei circhi: presto il divieto in Italia

Finalmente gli animali nei circhi saranno vietati anche in Italia, lo ha annunciato la deputata del Pd Patrizia Prestipino.

Animali nei circhi
Animali nei circhi – LettoQuotidiano.it

Finora questa legge è stata introdotta in 23 Stati e anche il nostro Paese potrebbe proibire definitivamente l’utilizzo di animali selvatici negli spettacoli.

Divieto di animali nei circhi

Sebbene tutti abbiamo ricordi da bambini in cui gli animali nei circhi ci facevano divertire come matti, oggi, qualche anno più tardi e con molta più coscienza della realtà dei fatti, possiamo affermare che si tratta di atti violenti che costringono animali ad essere veri e propri burattini.

Per far divertire le persone infatti, vengono costretti a fare cose che in natura non farebbero e molto spesso dietro a questa facciata si nascondono molte violenze.

L’Italia si starebbe dunque avvicinando a un divieto che già molti altri Stati hanno approvato, ossia quello di utilizzare animali selvatici negli spettacoli circensi.

Lo ha confermato in un post sui social la deputata del Partito Democratico, Patrizia Prestipino, che si augura che queste tradizioni davvero crudeli cessino al più presto.

Patrizia Prestipino
Patrizia Prestipino – LettoQuotidiano.it

La situazione in Italia è allarmante, infatti, il nostro Paese è ancora fermo a una legge del 1968 in cui gli animali sono consentiti in questi contesti, mentre molti Paesi d’Europa già hanno proibito la loro presenza, anche perché questo oltre a essere un gesto crudele a discapito delle povere bestie, non ha alcun valore culturale né tantomeno educativo.

Sono ben 23 gli Stati membri che vietano totalmente gli animali, come il Cipro e la Grecia. In altri invece, come Croazia, Paesi Bassi e Austria, il divieto è parziale e vale solo per gli animali esotici.

Il testo e la gioia sui social

La deputata ha presentato il testo con cui chiede di abolire l’utilizzo di animali nei circhi, dove si legge che gli animali selvatici sono utilizzati in queste circostanze sono costretti a subire maltrattamenti e assumere comportamenti mai visti in natura.

Sebbene molti di loro siano nati e allevati in cattività da molte generazioni, continuano comunque a seguire il comportamento delle specie selvatiche, pertanto il governo dovrebbe valutare lo stop di queste crudeltà.

Verso la fine del testo, si evidenzia come il governo, che ha approvato il testo, si impegna a valutare la cessazione dell’impiego degli animali nei circhi e negli spettacoli viaggianti.

Con un gioioso post su Facebook la deputata annuncia

“sono felice che il governo abbia approvato il mio ordine del giorno che prevede il divieto di utilizzare gli animali nei circhi. non se ne può più di vedere quelle povere bestie costrette in recinti. mi auguro che questa odiosa usanza, contraria al benessere animale, diventi un brutto ricordo”.