“Sbrigatevi”, supermercati affollati: l’alimento più mangiato dagli italiani costerà il doppio

L’aumento generale dei prezzi dei prodotti alimentari non si arresta. In particolare, in Toscana a maggio 2022 l’inflazione ha registrato +6,8%. Questa percentuale si traduce mediamente in un ulteriore peso di 320 euro che graverà sulle famiglie solo per i generi alimentari.

Supermercato
Supermercato – LettoQuotidiano.it

In base ai dati ISTAT di maggio, Coldiretti Toscana segnala il rincaro maggiore registrato ad Arezzo (+ 9,2% contro la media nazionale di +7,6%) cui segue Firenze (+7,3%) e Pistoia (+7%) riguardo ai prodotti alimentari.

C’è un alimento, in particolare, più colpito di altri dai rincari. Inizia la corsa ai supermercati per accaparrarselo perché costerà il doppio.

Supermercati presi d’assalto per i rincari: l’alimento che costerà il doppio nel 2022

Quest’anno la verdura costerà circa 80 euro in più secondo quanto riporta Coldiretti Toscana. Seguono pane, pasta e riso (60 euro in più), carne e salumi (la cui spesa aumenterà di 55 euro). E, ancora, frutta, latte, pesce, formaggi, uova, olio, burro, grassi.

alimento più costoso
supermercati alimento più costoso – Lettoquotidiano.it

Coldiretti Toscana, basandosi sui prezzi rilevati dall’Osservaprezzi del Mise tra novembre 2021 ed aprile 2022 a Firenze, ha elaborato la seguente classifica dei rincari:

  • Olio di girasole (+59%), cui spetta il triste primato;
  • Latte fresco (+13%);
  • Burro (+11%);
  • Pane fresco (+10%);
  • Vaschetta di gelato (+9%);
  • Passata di pomodoro (+8%);
  • Mozzarella (+5%).

Rincari generi alimentari: pagheranno le piccole imprese, non solo le famiglie

Jacopo Ferretti, segretario generale di Confartigianato Imprese Firenze, ha lanciato l’allarme. Il problema rincari è insostenibile non solo per le famiglie: pagheranno anche le piccole imprese, già in debito di ossigeno.

Bisogna affrontare al più presto l’emergenza degli aumenti di energia elettrica e gas che rischia di sfuggire di mano.

In Italia, l’aumento relativo all’energia elettrica segna +23,8% contro il +2,1% di Germania e Francia.

I dati della Toscana sono in linea con quelli nazionali. Bisogna intervenire rapidamente, sottolinea Ferretti, per evitare di mettere in ginocchio le imprese italiane. Ciò che serve è fissare un tetto al prezzo del gas.

Il consorzio toscano Multienergia sta contribuendo notevolmente: è riuscito in parte ad ammortizzare i rincari, non ad azzerarli naturalmente, e si rivela uno strumento importante di Confartigianato per tutti (famiglie, commercianti, artigiani).

Serve un intervento centrale e bisogna richiedere l’annullamento degli oneri generali del servizio elettrico anche per il 3° trimestre 2022. Salvare le aziende vuol dire salvaguardare il lavoro di migliaia di persone e proteggere le famiglie – ha concluso Ferretti.

alimento costoso
supermercati alimento più costoso – Lettoquotidiano.it