MAI addormentarsi così, ti svegli con la schiena a pezzi: eppure lo facciamo sempre

Addormentarsi sulla schiena, sullo stomaco, sul fianco o con le braccia alzate, non è la stessa cosa per il corpo.

Posizioni per dormire
Posizione sbagliata per dormire – Lettoquotidiano.it

Alcune posizioni del sonno possono causare stress e tensione alle spalle. Sebbene la posizione del sonno possa causare dolore alla spalla, potrebbe anche esacerbare una condizione medica sottostante, come la spalla bloccata.

È importante perché la tua posizione durante il sonno potrebbe avere un effetto doloroso sull’articolazione della spalla e sui muscoli che, a loro volta, possono impedirti di dormire bene la notte e influire in modo significativo sulla qualità della tua vita.

Le posizioni assunte durante il sonno

Bimbo dorme sorridente
Bimbo dorme sorridente – LettoQuotidiano.it

Mentre dormire sulla schiena può portare a russare e anche ad avere possibili episodi di apnea notturna, dormire a pancia in giù può stressare i muscoli della schiena e del collo.

Per non parlare del dormire su un fianco che può causare problemi alla cuffia dei rotatori, in particolare tendinite.

Questo perché la pressione costante dei tendini della spalla contro l’osso sottostante dovuto al sonno su un lato può portare a borsite o infiammazione della borsa subacromiale, la piccola sacca situata sulla punta dei tendini della cuffia dei rotatori.

I sintomi della tendinite della cuffia dei rotatori includono dolore e rigidità nella parte anteriore della spalla e sul lato del braccio.

Questo tende a peggiorare nel tempo se non trattata, così come un clic quando si alza il braccio, una perdita di mobilità e forza nel il braccio colpito e un dolore che ti sveglia continuamente di notte.

Uomo addormentato sul divano
Uomo addormentato sul divano – LettoQuotidiano.it

In questo caso è relativamente facile prevenire la tendinite da sonno laterale o alleviare i sintomi esistenti.

Infatti, può essere semplice cambiare la posizione in cui si dorme, e addormentarsi ad esempio alternando il lato in cui si dorme durante la notte.

Oppure dormendo sulla schiena se non si ha bisogno di preoccuparsi di russare o di problemi di respirazione.

Addormentarsi con le braccia alzate

A volte possiamo fare un ottimo lavoro prendendoci cura di noi stessi durante il giorno, ma le nostre posizioni per dormire possono annullare tutto il nostro duro lavoro.

A volte le posizioni in cui dormiamo mettono la nostra colonna vertebrale, le articolazioni e i tessuti molli sotto compressione, tensione o entrambe. I nostri nervi sono particolarmente sensibili a questo.

Ad esempio, quando dormiamo in una “posizione fetale”, i nervi dei polsi e dei gomiti possono essere compressi nel punto in cui le braccia e i polsi si piegano.

Possono anche essere messi in tensione che possono causare irritazione e aggravare sintomi come intorpidimento, formicolio e/o dolore.

Un altro esempio è quando un cuscino fa piegare il collo in una posizione che può comprimere i nervi che viaggiano dalla colonna vertebrale alle braccia e alle mani.

Addormentarsi con le braccia alzate
Addormentarsi con le braccia alzate – LettoQuotidiano.it

Una posizione che NON si dovrebbe mai assumere è addormentarsi con le braccia alzate, infatti inevitabilmente ci  si sveglia con le braccia doloranti.

Inoltre con l’andare del tempo questa posizione  può danneggiare i tendini in quanto vengono “strangolati” tra omero e scapola.

Una cosa importante da considerare quando si cerca di ridurre al minimo il dolore alla spalla è la posizione del sonno.

In generale, se hai dolore alla spalla, dovresti evitare posizioni per dormire che applicano pressione diretta sulla spalla, come dormire su un fianco.

Dunque alla fine qual è la posizione migliore per dormire?

In definitiva la posizione migliore per addormentarsi è quella che favorisce una corretta postura della colonna vertebrale. Questo dipende dalla vostra situazione di salute personale e da quello che trovate confortevole.